Brasile, Neymar: "Momento più triste della mia carriera, ripartire è dura"

Regolare Commento Stampare

Il Brasile è stato eliminato dai Mondiali di Russia 2018 per mano del Belgio, che ha battuto la selezione verdeoro per 2-1.

Un nuovo modo di vedere la Serie A e la Serie B: scopri l'offerta! Segno dei tempi, di un calcio che si rinnova e che diventa sempre più imprevedibile, che ha mandato a casa Messi, Ronaldo e Neymar e che prima ancora aveva impedito a una storica partecipante come l'Italia persino di imbarcarsi, che poi ha decretato il fallimento di quel calcio spagnolo fino a poco tempo fa osannato e imitato ovunque e che ha sancito, tra l'altro, anche la vulnerabilità del colosso tedesco.

È difficile trovare la forza per continuare a giocare calcio, ma sono certo che Dio mi darà abbastanza forza per affrontare qualsiasi cosa. "Il dolore è molto grande perché sapevamo di poter arrivare fino in fondo, sapevamo che c'erano le condizioni per andare avanti, per fare la storia...ma alla fine non è andata così". "Hanno interrotto il nostro sogno ma non ce lo toglieranno dalla testa e neanche dal nostro cuore". Se a trionfare in questa Coppa del Mondo non sarà la squadra di Deschamps assisteremo al sesto trionfo di un Paese diverso nelle ultime sei edizioni: quanto mai Mondiali senza padroni.

Posso dizer que é o momento mais triste da minha carreira, a dor é muito grande porque sabíamos que poderíamos chegar, sabíamos que tínhamos condições de irmos mais além, de fazer história. mas não foi dessa vez.