Roma, Cristante: "Non ho esitato, questa è la squadra giusta"

Regolare Commento Stampare

E' il posto giusto per me, per la mia crescita e per l'allenatore che c'è.

"Ci sono tanti campioni qui, non sarà difficile trovare chi mi dia le palle giuste in campo". Ho letto cosa ha detto a Villa Stuart, ho letto che lui è contento di rimanere qui ed è importante.

Cosa ti ha chiesto il mister in questi primi allenamenti?

I primi allenamenti. "Sono ancora all'inizio, ci stiamo rimettendo in moto e riattivando". Vuole il bel calcio e la pressione alta. "Avrò tempo per lavorarci bene e seguire le sue indicazioni", ha aggiunto il neo giallorosso.

Bryan Cristante, presentato oggi dalla Roma, interrogato sul numero 4 - sulle spalle di Radja Nainggolan fino a poco tempo fa - ha deciso di non abbassare i toni. "Se si portano dei gol si dà un aiuto maggiore alla squadra". Nei confronti dei tifosi c'è responsabilità in qualsiasi caso. "Penso a me stesso e fare bene". "C'è un grande allenatore che sa valorizzare le mezzali. Mi ha fatto una bella impressione, il mister ha fatto un gran lavoro ed i risultati in campionato e Champions lo hanno dimostrato". Dobbiamo lavorare insieme. Credo che dopo un anno di partite il nostro obbligo è fare riflessioni su quello che è mancato. "Con lavoro e voglia si può fare benissimo anche qui". Siamo già in tanti così.

No, non arrivo qui per fare la guerra a qualcuno che c'è stato. "Io lì volevo crescere, fare le mie esperienze e quando è arrivato il momento e volevo giocare sono uscito, ma non sono andato lì con l'obiettivo di diventare un titolare inamovibile". Stiamo prendendo un giocatore che sta facendo un percorso importante non solo per la Roma ma anche per la Nazionale italiana. Non siamo disperati, tutto ha un tempo, un senso. Quest'anno potrebbe essere Pastore? "Per il romanista deve essere motivo di felicità averli entrambi".

"Mi piace. È un giocatore forte ma è della Fiorentina, farà parte del futuro della Nazionale".

C'è un po' di paura nel passare in una squadra diversa dall'Atalanta? Il tifoso più ottimista della Roma a settembre non pensava di andare vicino al grande obiettivo. Questa Roma merita di fare cose importanti, ma i tifosi meritano anche che noi lasciamo fuori le parole e passiamo ai fatti.