Porti chiusi, scontri Difesa-Viminale. Ma al governo passa la linea Salvini

Regolare Commento Stampare

"Quel che vanno cambiate sono le regole di ingaggio della missione" e occorre "farlo nelle sede competenti, non a Innsbruck".

"Dopo aver fermato le navi delle Ong, giovedì - annuncia Salvini - porterò al tavolo europeo di Innsbruck la richiesta italiana di bloccare l'arrivo nei porti italiani delle navi delle missioni internazionali attualmente presenti nel Mediterraneo".

Si tratta infatti, spiegano le fonti, di "una nave privata". Subito dopo, Salvini vedrà il premier Giuseppe Conte per mettere a punto la proposta dell'Italia al vertice dei ministri dell'interno Ue che si terrà giovedì a Innsbruck. Quest'ultima, tuttavia, non è considerata "porto sicuro" in base ai trattati internazionali dal momento che non garantirebbe un trattamento rispettoso ai migranti. "Purtroppo i governi italiani degli ultimi 5 anni avevano sottoscritto accordi (in cambio di cosa?) perché tutte queste navi scaricassero gli immigrati in Italia, col nostro governo la musica è cambiata e cambierà". Ce lo impone folle accordo europeo Sophia con cui Renzi ha svenduto interessi Italia. Le dichiarazioni del vicepremier su Twitter sono arrivate dopo che ieri sera, 7 luglio, sono sbarcati a Messina 106 migranti salvati dalla nave militare irlandese Samuel Beckett della missione Eunavformed, accolti da centinaia di persone con le magliette rosse indossate per aderire all'iniziativa di sensibilizzazione verso i migranti promossa da Libera. Secondo quanto emerso, le motovedette di Tripoli stavano per intervenire dopo aver ricevuto la segnalazione ma la Vos Thalassa ha raggiunto per prima il natante soccorrendo i migranti e facendoli salire a bordo, il tutto quando era ormai notte. A stretto giro la replica del capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio: "Caro Danilo Toninelli l'accordo da cambiare è quello di Dublino, quello votato dalla Lega a vantaggio degli amici di Matteo Salvini del gruppo di Visegrad".

Fra i migranti 93 uomini, 11 minorenni e due donne una delle quali incinta.