Maltempo in Giappone, bilancio tragico: 85 morti e 50 dispersi

Regolare Commento Stampare

Secondo le autorità locali delle varie prefetture, si contano migliaia di utenze ancora fuori uso sia per quanto concerne l'erogazione di acqua potabile che di energia.

È di almeno 100 morti il bilancio delle vittime delle inondazioni e delle frane causate dalle piogge torrenziali che in questi giorni hanno colpito il Giappone occidentale.

Al momento, secondo fonti ufficiali, i morti sono oltre 140 e decine i dispersi, soprattutto nella zona di Hiroshima. Le autorità hanno ordinato l'evacuazione di circa 5 milioni di persone nelle regioni sud-occidentali del Paese. Alcuni pazienti sono stati portati su una barella sul tetto dell'ospedale, da dove sono stati evacuati grazie agli elicotteri. Per il ministero delle Infrastrutture, 17 operatori ferroviari hanno sospeso i servizi, e si stima che il processo per ripristinare i collegamenti di trasporto potrebbe durare mesi. I dirigenti della Daihatsu hanno deciso lo stop nelle catene di assemblaggio dei veicoli in quattro prefetture - incluse quelle di Kyoto e Osaka - a causa delle difficoltà nel reperire i pezzi di ricambio. Il premier Shinzo Abe ha annullato il previsto viaggio in Francia, Belgio, Arabia Saudita ed Egitto, per restare alla guida dei soccorsi. Lo ha riferito il segretario generale del Partito Liberal-democratico Toshihiro Nikai, partito di cui fa parte lo stesso Abe. Il premier nipponico sarebbe dovuto partire questo mercoledì per volare prima a Bruxelles, dove era stata concordata la firma per il trattato di libero scambio con l'Unione Europea, e successivamente in visita in Francia.