Aifa, ritirati farmaci per la pressione con sostanza potenzialmente cancerogena

Regolare Commento Stampare

L'Aifa ha disposto il ritiro di diversi lotti di farmaci a base del principio attivo valsartan.

"L'impurezza di cui parlano è la N-nitrosodimetilamina (NDMA), classificata come sostanza probabilmente cancerogena per l'uomo, che sarebbe presente nei lotti di materia prima utilizzati per produrre i medicinali contenenti valsartan oggetto di ritiro".

"La presenza di un'impurezza - si legge sul sito ufficiale dell'Agenzia Italiana del Farmaco - è stata riscontrata nel principio attivo valsartan, utilizzato come medicinale in cardiologia contro lo scompenso cardiaco, ipertensione, e trattamento post infarto, prodotto dall'officina della Zhejiang Huahai Pharmaceuticals, nel sito di Chuannan, Duqiao, Linai (China) e attualmente risulta che l'impurezza sia presente solo nei prodotti fabbricati nel sito citato".

Nello specifico, nelle ultime ore oltre 700 lotti di farmaci contenenti il principio attivo valsartan sono stati ritirati da farmacie e catena di distribuzione. Per effetto della determina, quando un farmaco ottiene il riconoscimento dell'innovatività piena, lo mantiene per 36 mesi; ha dei benefici economici accedendo a uno dei due fondi nazionali di 500 milioni di euro ciascuno (per farmaci innovativi oncologici e non oncologici); ha l'inserimento diretto nei Prontuari terapeutici regionali, superando così passaggi burocratici che oggi rallentano l'accesso alle terapie.

Il Valsartan è usato per trattare l'ipertensione e l'insufficienza cardiaca.

"L'AIFA sta lavorando insieme all'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) e alle altre agenzie europee per valutare il grado di contaminazione nei prodotti coinvolti e adottare misure correttive nel processo produttivo" concluso dall'Agenzia italiana dle farmaco.

Come soluzione è necessario rivolgersi al più presto al proprio medico di base che potrà cambiare la molecola da usare o, più semplicemente, suggerire una diversa casa farmaceutica che produce il prodotto e che, ovviamente, non è inclusa nella lista di quelle in via di ritiro ufficiale. È disponibile da solo o in combinazione con altri principi attivi.

Per i pazienti trattati con i medicinali riportati nell'elenco pubblicato sul sito, la terapia può essere sostituita con un altro valsartan o con altro antagonista del recettore dell'angiotensina II. Inoltre, chi sta prendendo parte a cure sperimentali a base di valsartan, deve consultare l coordinatore della sperimentazione ed esporre i propri dubbi in modo tale da saperne di più.