Migranti: Fico, si rispetti la legge

Regolare Commento Stampare

La terza carica dello Stato, giunta al Lanificio 25 di Porta Capuana, ha incontrato nel pomeriggio alcuni esponenti dell'associazionismo locale, oltre che delle delegazioni di residenti, per per affrontare il tema del degrado al quartiere Vasto e, più in generale, nella zona della Ferrovia. Nel documento si legge che, in caso contrario, "gli ex parlamentari, colpiti dai tagli retroattivi delle loro pensioni, potrebbero essere costretti ad agire con azioni legali anche a fini risarcitori nei loro confronti". "La legge è chiara e le commissioni territoriali faranno e fanno il loro lavoro".

Fico ha anche parlato di immigrazione e dal palco del Festival di Polignano a mare ha rievocato le parole del Capo dello Stato che poche ore prima aveva definito irrazionale la chiusura dei confini: "Io condivido pienamente quello che ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e credo che l'Austria non può pensare di chiudere le proprie frontiere. Tutto qui". "La settimana prossima ci riuniremo come Ufficio di Presidenza e daremo il via alla delibera", ha invece concluso Fico in merito alla delibera sui vitalizi. Cittadini che vogliono discutere di sicurezza e presenza di immigrati, e che oggi si associano ai napoletani del vicino quartiere del Vasto, salito alla ribalta della cronaca per numerosi episodi di violenza con conseguente disagio degli abitanti. Il secondo intervento è del presidente della Cooperativa Dedalus (che opera proprio a Porta Capuana), che riferisce dell'ottimo lavoro svolto in questi anni con tantissimi giovani, partenopei e non. "Abbiamo mandato il fascicolo degli emendamenti, che sono stati conclusi ieri da parte dei gruppi politici".