Ritirati dal commercio farmaci della pressione: contengono sostanze cancerogene

Regolare Commento Stampare

Il principio attivo è il valsartan.

Sono 748 i lotti di farmaci prodotti da 15 diverse aziende farmaceutiche contenenti il principio attivo valsartan. Se si tratta del Valsartan, verificate se lo stabilimento di produzione è quello indicato dall'AIFA.

L'Aifa specifica inoltre che la presenza di un'impurezza è stata riscontrata nel principio attivo valsartan prodotto dall'officina della Zhejiang Huahai Pharmaceuticals, nel sito di Chuannan, Duqiao, Linai (China) e attualmente risulta che l'impurezza sia presente solo nei prodotti fabbricati nel sito citato.

Cosa fare se si utilizzano questi farmaci?

L'Aifa, L'Agenzia Italiana del Farmaco, ha disposto il ritiro immediato da tutte le farmacie e da tutta la catena della distribuzione di centinaia di lotti di farmaci prodotti da diverse aziende farmaceutiche usati per la cura dell'ipertensione e dell'insufficienza cardiaca e nei pazienti che hanno subito un infarto cardiaco. Mentre i pazienti trattati con prodotti combinati con valsartan e idroclorotiazide elencati nell'elenco sopra riportato possono passare al trattamento con altri prodotti combinati valsartan idroclorotiazide o con i monocomponenti: ovvero una compressa di valsartan (non nell'elenco) e una compressa di idroclorotiazide oppure un prodotto combinato di idroclorotiazide e un altro antagonista del recettore dell'angiotensina II.

I farmaci in elenco non devono dunque essere assunti, anche se già nelle case. La sostanza che è stata rilevata e ritenuta cancerogena, è la N-nitrosodimetilamina (Ndma).

Sono 700 i medicinali coinvolti, il cui elenco è stato pubblicato sul sito dell'agenzia: "Se il farmaco che assumi non è tra quelli indicati nell'elenco puoi continuare regolarmente il trattamento", si legge nelle indicazioni. "Se sei in trattamento con uno dei prodotti sopra elencati, consulta il medico il prima possibile per passare ad altri farmaci". In ogni caso, consiglia di parlare col proprio medico di famiglia per concordare un trattamento alternativo con altro medicinale a base di valsartan non interessato dal ritiro o con un farmaco diverso. "Se stai prendendo parte a una sperimentazione clinica con valsartan e hai dei dubbi, rivolgiti al clinico responsabile dello studio", conclude l'agenzia. Cliccando qui potete leggere il comunicato ufficiale.