Calciomercato, il Chelsea si raduna con Conte ma aspetta ancora Sarri

Regolare Commento Stampare

Il tecnico toscano deve liberarsi dal Napoli entro 48 ore, altrimenti i Blues richiamerebbero l'ex ct della nazionale italiana 05 luglio 2018 - agg.

Esplicativo il post sul tema di Marco Azzi, giornalista sportivo di Repubblica: "Se (e sottolineo tutti i se.) Sarri sarà il nuovo allenatore del Chelsea, se Abramovich è disposto a pagare 60 milioni per regalargli Higuain, se parte di quei soldi serviranno alla Juve per prendere Ronaldo, mi spiegate perché il #Napoli dovrebbe far partire gratis la giostra?". Dovesse funzionare la situazione si sbloccherebbe e verrebbe finalmente ufficializzato l'esonero di Conte, che ormai vive con il club da separato in casa. Un altro azzurro che potrebbe interessare è Hysaj”. Il City continua a parlare con il Napoli, ma la novità consiste nel fatto che Jorginho sia stato e sia (con Hysaj, uno dei due) al centro dei discorsi per liberare Sarri. La sensazione è che alla fine Abramovich - che finora ha provato in tutti i modi a risparmiare sulla questione allenatore - dovrà aprire il portafoglio.

Tra l'Arsenal del nuovo manager Emery e il Manchester United di José Mourinho ci sarebbe anche il Chelsea, quinto nell'ultima stagione e che ha deciso di ripartire dall'ex-allenatore del Napoli Maurizio Sarri. La mancanza di offerte per i gioielli (Donnarumma, Suso, ma anche Andre Silva che andrà al Wolverhampton) sta bloccando il mercato rossonero, così come la decisione del Tas di Losanna.

Come detto sopra, l'accordo fra Sarri e il Chelsea è già stato raggiunto lo scorso 22 giugno, nell'incontro a Londra fra l'avvocato Fabio Giotti e la plenipotenziaria dei Blues, Marina Granovskaia. Sul tavolo c'è un bel contratto da tre anni a sei milioni di euro netti a stagione, con lo staff composto anche dal grande ex calciatore italiano, nonché ex del Chelsea, Gianfranco Zola, e da Martusciello.