Sostanza cancerogena in farmaci per la pressione, l'Aifa ritira 700 lotti

Regolare Commento Stampare

"La presenza di un'impurezza - si legge sul sito ufficiale dell'Agenzia Italiana del Farmaco - è stata riscontrata nel principio attivo valsartan prodotto dall'officina della Zhejiang Huahai Pharmaceuticals, nel sito di Chuannan, Duqiao, Linai (China) e attualmente - continua l'istituzione pubblica - risulta che l'impurezza sia presente solo nei prodotti fabbricati nel sito citato". Dai controlli condotti sui farmaci in commercio, è emerso un difetto di qualità che ha indotto l'Aifa, così come le altre agenzie europee, a disporre l'immediato ritiro dalle farmacie e dalla catena distributiva di tutte le confezioni interessate. Il principio attivo cinese è stato poi utilizzato da diverse aziende farmaceutiche, quelle per le quali è scattato il provvedimento di sospensione.

Attualmente sono stati richiamati ben 700 lotti contenenti valsatarn e si invitano tutti i pazienti a prendere precauzioni e a contattare il proprio medico curante in caso si assumesse questo tipo di farmaco che viene solitamente usato per problemi di insufficienza cardiaca e ipertensione. La sostanza trovata sarebbe la N-nitrosodimetilamina (Ndma), classificata come probabilmente cancerogena. I medicinali a base di Valsartan vengono utilizzati per il trattamento dell'ipertensione arteriosa e dell'insufficienza cardiaca e nei pazienti che hanno subito un infarto cardiaco. La preoccupazione è quella di evitare che i malati che ne hanno bisogno interrompano una cura delicata.

Sul sito dell'Aifa, si può leggere l'elenco dei prodotti ritirati, con una serie di consigli rivolti ai pazienti.

Ma se si è in trattamento con uno dei prodotti presenti nella lista bisogna consultare il medico il prima possibile per passare ad altri farmaci. L'Aifa, infine, ha specificato di essere al lavoro insieme all'Agenzia europea per i medicinali (Ema) e alle altre agenzie europee per valutare il grado di contaminazione nei prodotti coinvolti e adottare misure correttive nel processo produttivo. Se stai prendendo parte a una sperimentazione clinica con valsartan e hai dei dubbi, rivolgiti al clinico responsabile dello studio.