L'Università della Calabria fra le migliori d'Italia: è seconda nella graduatoria Censis

Regolare Commento Stampare

Dall'analisi Censis di quest'anno, basata sulla valutazione degli atenei (statali e non statali, divisi in categorie omogenee per dimensione) relativamente alle strutture disponibili, sui servizi erogati, sulla capacita' di comunicazione 2.0 e sul livello di internazionalizzazione, e' emerso che proprio quest'ultimo punto si e' particolarmente consolidato. Infine, i voti di tutte e tre le voci possono arrivare al massimo a 110, esattamente come accade agli studenti che si laureano. Con 92,0 scala la graduatoria di tre posizioni l'Università della Calabria, collocandosi al secondo Casella di testo: Comunicato stampa CENSIS • Comunicato stampa CENSISposto, grazie all'apprezzabile incremento di 22 punti per borse di studio e altri interventi in favore degli studenti e di 12 punti per la comunicazione e i servizi digitali.

Sulla base dei parziali assegnati, Unimore risulta ben posizionata per quanto riguarda l'internazionalizzazione dove tra i grandi atenei è 4° ed anche per i servizi in cui, sempre tra i grandi atenei, è 5° pari merito con Cagliari.

"Rimaniamo sempre ai vertici - ha proseguito il Rettore -quest'anno siamo tornati al secondo posto generale e vorrei sottolineare il nostro primato nell'indicatore che riguarda la comunicazione e i servizi digitali, due ambiti sui quali vogliamo continuare ad insistere". Ferrara e Catania sono tre le prime posizioni anche nella classifica per progressione di carriera e Ferrara e Trieste in quella per i rapporti internazionali. Questi ultimi, da parte loro, hanno ospitato oltre 29.000 studenti stranieri in mobilita'. Guadagna la seconda posizione Sassari (98), sorpassando Trento (96,8).

Tra le mega universitaria conquista il primo posto Bologna, poi Firenze, Padova.

Da segnalare anche i fondamentali apporti di Adisu e Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia che rispettivamente, attraverso l'erogazione di borse di studio e mediante il supporto al programma di internazionalizzazione dell'Ateneo, hanno senz'altro fornito un notevole contributo al raggiungimento dell'importante risultato. Commenta così il rettore, Gino Mirocle Crisci, il piazzamento al secondo posto tra i grandi atenei statali dell'Università della Calabria, secondo la classifica del Censis.

La penultima e l'ultima posizione sono occupate rispettivamente dall'Università del Molise e dall'Università del Sannio.

Miglior politecnico invece è Milano, il peggiore quello di Bari.

Tra i medi (da 5.000 a 10.000 iscritti) è prima la Luiss (91,4), seguita dalla Lumsa (83,8). L'università di Siena, come lo scorso anno, è in testa alla graduatoria dei medi atenei statali (da 10.000 a 20.000 iscritti), con un punteggio totale di 99.