Caso di dengue all'Isolotto: chiusa Villa Vogel

Regolare Commento Stampare

Ad aver contratto l'infezione un uomo residente nella zona del quartiere 4.

Cesena. Un caso di febbre dengue è stato diagnosticato in centro storico a Cesena.

Sono già scattate ierio pomeriggio le misure di profilassi dopo il caso di dengue accertato all'Isolotto. Gli operatori incaricati saranno identificabili da apposita tessera di riconoscimento ed effettueranno trattamenti sia contro le larve di zanzara con prodotti antilarvali che contro gli adulti di zanzara tramite nebulizzatore. Ogni estate si fa un gran parlare di come evitare la prolificazione delle zanzare perché sono i ristagni presenti in varie aree della propria abitazione ed in generale in tutte le zone in cui vi possono essere dei ristagni d'acqua perché è proprio lì che prosperano le larve fino a trasformarsi in zanzare. Lo ha spiegato la Asl, che si è subito attivata: il personale del servizio prevenzione dell'Azienda sanitaria ha effettuato un sopralluogo per verificare l'area dove ha soggiornato l'uomo. È stata inoltre richiesta all'amministrazione comunale l'esecuzione di una disinfestazione, con urgenza. "Per il caso segnalato, precisa l'Asl, non esiste alcun rischio di trasmissione o contagio".

Compreso nella zona interessata anche il parco di villa Vogel, che rimasto chiuso al pubblico per l'intera giornata di oggi, 3 luglio. La conferma, arrivata degli esami clinici effettuati, ha fatto scattare, a scopo precauzionale, il Piano di sorveglianza e controllo previsto dalla Regione Emilia - Romagna in questi casi.

"La Dengue è una malattia di tipo simil-influenzale causata da un virus presente in paesi tropicali e subtropicali, si trasmette attraverso la puntura di alcuni tipi di zanzare e non esiste trasmissione diretta da persona a persona", è questo quanto Comunicato dalla ASL che ha comunque resa necessaria la disinfestazione per debellare le zanzare che possono trasmettere in qualche modo questa malattia come la zanzara tigre che è molto diffusa nel nostro territorio.

Questo per eliminare le zanzare che potrebbero contribuire alla diffusione del virus.