Belen Rodriguez sulla presunta crisi con Andrea Iannone: 'Devo tirare il fiato'

Regolare Commento Stampare

Le ex di Fabrizio Corona, in abito nero corto e tacchi alti, sono entrate da ingressi diversi e hanno affrontato i tanti fotografi e cameraman che attendevano i protagonisti della vicenda nei corridoi della decima sezione penale del Tribunale di Milano. "Alla radio ho parlato solo di quello che mi raccontava mio figlio, ovvero che Belen girava nuda per casa", ha aggiunto.

"Ci sono momenti nella vita di ognuno di noi in cui è meglio sospendere ogni scelta, tirare il fiato e non emettere alcuna sentenza rispetto al proprio presente. Darò in beneficenza i soldi di un eventuale risarcimento". E Moric, dopo averla apostrofata con epiteti del tenore di "strega cattiva" e "viado" l'aveva anche accusata di girare "nuda" per casa davanti al bambino nato dalla sua relazione con l'ex agente fotografico.

Belén Rodriguez aveva querelato Nina Moric a causa di quanto accadde nel 2015.

È stato un comportamento incivile, Moric è un personaggio famoso come lo sono io e queste accuse hanno avuto una grande risonanza. "Mi fermavano le mamme al parco quando ero con mio figlio, chiedendomi spiegazioni".

Poi su tutta la questione ha detto che secondo lei il tribunale "dovrebbe occuparsi di giudicare reati gravi, come lo spaccio e gli omicidi, e non episodi come questo". Quando ho dato a Belen del viado intendevo dire che ha fatto abuso della chirurgia estetica. Mi hanno chiamato a testimoniare e siccome sono un cittadino ligio alle regole lo faccio senza problemi.

Anche se Belen continua ad affermare sicura di non riuscire a stare senza Iannone e nemmeno con lui accanto, la showgirl è molto confusa sul da farsi e continua a prendere tempo senza chiarire una volta per tutte la situazione: "Non fatemi altre domande non saprei cosa rispondere". Si torna in aula l'11 settembre.