A Pontida il raduno della Lega, tanti i lecchesi presenti

Regolare Commento Stampare

Matteo Salvini fa il suo ingresso circondato dalla sua "scorta", il popolo leghista. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. "Sono contento e soddisfatto del lavoro del Governo Lega-M5S". Ci sono anche Giovanni Toti (Liguria), Nello Musumeci (Sicilia), Donato Toma (Molise) e Nicoletta Spelgatti (Valle D'Aosta).

"Le Europee dell'anno prossimo saranno un referendum fra l'Europa delle élite, delle banche, della finanza, dell'immigrazione e del precariato, e l'Europa dei popoli e del lavoro", ha detto il segretario della Lega che ha annunciato che sarà in campo "Un'alleanza dei populisti, che per me è un compimento" e che girerà "le capitali d'Europa e non solo d'Europa".

Musumeci, Nord senza Sud non va da nessuna parte.

Una Lega delle Leghe in Europa, questa la proposta lanciata a Pontida da Salvini in vista delle prossime elezioni europee con l'obiettivo di unire i movimenti sovranisti. Tra un'Europa senza confini e un'Europa che torna proteggere i propri confini.

Di più. Il relativismo etico è ormai un fatto al quale è difficile opporsi: penso ai legami sentimentali fluidi e a termine che vanno di pari passo con i contratti precari, all'adulterio sempre più diffuso e sdoganato di recente persino da Papa Francesco (pure quello femminile), a forme di poliamore sotto cui sempre più persone si riconoscono.

Ieri per Salvini è stato un bagno di folla continuo. Arriva a Pontida e fa un tour tra i gazebo di tutte le Regioni, presenti sul pratone. Assente, per la prima volta, il fondatore della Lega: Umberto Bossi sul prato del raduno non si vede, anche se Salvini ringrazia lui e Maroni. Poi indosserà la camicia bianca per parlare dal palco per circa un'ora. Appare così l'area su cui stamattina si svolgerà l'annuale raduno della Lega, a Pontida. "I porti sono e resteranno chiusi", sostiene Salvini. "Oggi c'è una terza nave che prenderà la via di un altro Paese e ce ne saranno anche una quarta una quinta e così via", aggiunge. Sul fronte politico interno, Salvini ha lasciato intendere che il centrodestra, nonostante tutto, resta compatto: "Con Berlusconi parliamo di tutti i Comuni e le Regioni dove governiamo insieme". Poi attacca i vincoli di bilancio Ue. "Le opinioni personali sono benvenute, ma contano i fatti". "Nessuno può dire di non aver capito". E così i due si sono stretti in un lungo e intenso abbraccio. In realtà sul tema il mondo culturale, ma anche quello femminista, sono divisi - forse non esiste tema tanto divisivo - ma appunto le posizioni sono articolate e non attestate su "schifo" contro "esaltazione".