Open Arms assiste un barcone in Libia e attacca

Regolare Commento Stampare

L'europarlamentare socialista spagnolo Javi Lopez ha anche spiegato che nel naufragio avvenuto a largo delle coste libiche, in cui sono morte 100 persone, "l'Open Arms avrebbe potuto salvarli, ma questo è stato ignorato dalle autorità libiche e italiane". Ora siamo in viaggio nel Mediterraneo.

È scontro aperto tra la Open Arms e l'Italia.

"Abbiamo avvistato l'imbarcazione e abbiamo deciso di procedere". Ora, sostengono i libici, "quest'organizzazione fabbricherà delle notizie per condannare i guardacoste, in particolare dopo i grandi successi realizzati nel salvataggio di migranti illegali nei giorni successivi". Abbiamo chiamato Roma chiedendo se c'era bisogno andassimo a soccorrere e ci hanno detto che era già stata intercettata da una motovedetta della guardia costiera libica. "Da lì a poco abbiamo saputo di questi morti e dispersi che saranno circa 100 persone". "Questi sono fatti - aggiunge - non opinioni".

Nuovo attacco del Ministro dell'Interno, Matteo Salvini, alle ONG.

Una sessantina di migranti sono stati soccorsi da Open Arms, la nave della Ong catalana, davanti alla Libia.

A corredo del post, la guardia costiera libica ha pubblicato un video in cui in effetti si vede una nave carica di migranti e, in lontananza, un gommone in manovra. Dopo aver recuperato le sessanta persone, la nave sta viaggiando in direzione nord ovest.

"Salvati e al sicuro 59 persone alla deriva e in pericolo di vita".

Nel pomeriggio, a rafforzare le parole di Salvini arriva un comunicato del Viminale che recita come la Open Arms non possa attraccare in Italia per motivi di "ordine pubblico" e per il rischio di "proteste" a causa delle "precedenti vicende giudiziarie in cui è stata coinvolta la nave" riferendosi al sequestro della Open Arms disposto dalla Procura di Catania e finito con il dissequestro confermato da quella di Ragusa. "Per restare umani e non scoprirsi sempre più indifferenti", ha scritto su twitter il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina. Le loro storie su cosa hanno vissuto in Libia sono terrificanti": "è il tweet della Proactiva Open Arms la ong spagnola che con la sua nave Open Arms ha soccorso 59 migranti. "La nave Open Arms, di Ong spagnola con bandiera spagnola, si è lanciata poco fa verso un barcone e, prima dell'intervento di una motovedetta libica in zona, ha in tutta fretta imbarcato una cinquantina di immigrati a bordo - scrive su Facebook il ministro dell'Interno, Matteo Salvini - Questa nave si trova in acque Sar della Libia, porto più vicino Malta, associazione e bandiera della Spagna: si scordino di arrivare in un porto italiano".