Bce: "In Italia rischio dietrofront su pensioni"

Regolare Commento Stampare

La Banca centrale europea mette in guardia dalla possibilità che in Paesi come Italia e Spagna si facciano "passi indietro" sulle riforme pensionistiche, dove si rilevano rischi di "rovesciamento delle riforme attuate". Cosi' la Banca centrale europea nel suo bollettino economico. Un monito per il governo M5s-Lega sul progetto di superamento della Legge Fornero? "In tali casi, in alternativa, potrebbe aumentare il rischio di sempre maggiori trasferimenti di natura assistenziale qualora i piani pensionistici privati non fossero in grado di sopperire al divario", dice ancora il bollettino. Non si può infatti dimenticare che a "salvare" l'Italia dalla crisi dello spread del 2011-12 più che le politiche di Mario Monti (che anzi hanno fatto precipitare il Pil) è stato l'ormai celebre "whatever it takes" dell'ex numero uno di Palazzo Koch: un annuncio, quello fatto a Londra nel luglio del 2012, che non ha portato vantaggi solamente ai paesi più indebitati come il nostro, ma a tutta l'Europa, Germania compresa.

Si attende un riscontro nelle prossime ore dal Premier Conte e sicuramente anche dagli altri ministri, su tutti Salvini e Di Maio. "Al tempo stesso - prosegue il bollettino - a maggio 2018 i rendimenti delle obbligazioni bancarie sono divenuti più eterogenei tra i diversi paesi, in un contesto caratterizzato dall'incertezza politica che si è verificata in quel periodo in Italia".

"Una revisione della norma rischia di aumentare la spesa previdenziale", queste le chiare parole della Bce in risposta al governo. Si tratterebbe di misure che allargherebbero sensibilmente le maglie dell'accesso al sistema previdenziale, ma a questo avrebbe un costo rilevante.

E intanto iniziano a delinearsi e farsi avanti le prime indiscrezioni sul riforma.

Quota 100 e Quota 41 costano troppo?

È così che la nuova quota 100, che dovrebbe partire già dalla legge di bilancio 2019, potrebbe prevedere al proprio interno un limite anagrafico che consenta l'uscita dal lavoro solo al raggiungimento dei 64 anni di età.

Non sembra quindi destare molto timore l'allarme lanciato dalla Bce tra i banchi del governo, deciso a smontare i pezzi della Fornero. Nel suo rapporto l'istituto di Francoforte ha dedicato un capitolo alle raccomandazioni specifiche per Paese per la correzione dei conti pubblici, scrivendo a proposito della flessibilità chiesta dai singoli stati membri all'Ue.