Di Maio: "Entro la settimana il Decreto Dignità"

Regolare Commento Stampare

Nella bozza del decreto Dignità è stato inserito un intervento per contrastare la ludopatia.

Il decreto non si occuperà solo di aumentare i diritti contrattuali dei lavoratori, ma sarà anche un provvedimento teso a disincentivare la delocalizzazione e il gioco d'azzardo, e, come già successo per i benzinai, ritardare l'introduzione della fatturazione elettronica. Al momento non c'è ancora grande chiarezza su quello che potrebbe accadere, ma la sensazione è che si vada verso la fine delle sponsorizzazioni da parte di aziende dedite al bet e alle scommesse più in generale.

"È vietata qualsiasi forma, diretta o indiretta, di propaganda pubblicitaria, di comunicazione commerciale, di sponsorizzazione o di promozione di marchi o prodotti di giochi con vincite in denaro, offerti in reti di raccolta, sia fisiche sia online".

Ai commi 2 e 3 sono previste le relative misure sanzionatorie e l'Autorità competente ad effettuare l'accertamento e l'irrogazione delle stesse.

"La violazione del divieto di cui al comma 1 è punita con la sanzione amministrativa da euro 50.000 a euro 500.000". Detta misura sanzionatoria si applicherà "de futuro" a tutte le violazioni delle disposizioni recate dal primo comma.

Il comma 4 stabilisce una specifica destinazione dei proventi derivanti dall'irrogazione delle sanzioni. Gli incassi dovrebbero confluire in un apposito fondo dedicato al contrasto al gioco d'azzardo patologico. "Dall'attuazione della presente legge non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica".

Mediaset è seguito con interesse oggi nel giorno in cui si è riunita l'assemblea degli azionisti per l'approvazione dei dati di bilancio dell'ultimo esercizio, la nomina del Cda, il via libera al piano di buy-back e al piano di incentivazione e fidelizzazione a medio-lungo termine.