Accordo dell’Eurogruppo: Grecia fuori dalla crisi economica

Regolare Commento Stampare

Il commissario europeo agli affari economici, Pierre Moscovici, ha detto che è un momento storico eccezionale. "Dobbiamo assicurarci che molto presto il popolo greco vedrà concretamente i risultati di questo accordo", aggiunge. La Grecia si è impegnata a mantenere un surplus primario del 3,5% del Pil fino al 2022.

In tutto la Grecia lascerà il programma con un 'cuscinetto' di cash che coprirà le necessità finanziarie per circa 22 mesi dopo la fine del programma nell'agosto prossimo, cosa che secondo l'Eurogruppo 'rappresenta una garanzia significativa contro qualsiasi rischio'.

L'adozione del set di misure sul debito concordato dall'Eurogruppo migliorerà la sostenibilità del debito a medio termine [e vi è] la disponibilità dell'Eurogruppo a prendere in considerazione ulteriori misure di indebitamento a lungo termine nel caso in cui gli sviluppi economici negativi dovessero concretizzarsi.

DALLA PAURA ALLA RIPRESA- Una crisi, lunga e spaventosa, quella che ha investito e cambiato la storia più recente della Grecia, iniziata nel lontano 2011.Dalla grande paura, dunque, alla parziale ripresa. Nel 2017 il Pil ellenico è cresciuto dell'1,4% e quest'anno dovrebbe segnare una espansione dell'1,9% per poi accelerare ancora nel 2019 a un +2,3%.

Al suo arrivo a Lussemburgo venerdì -per la riunione dei ministri delle finanze dei 28 (EcofinLink esterno)- il commissario UE al bilancio Guenther Oettinger ha invocato la solidarietà di tutta l'Europa verso Grecia, Malta, Cipro, Bulgaria, Italia e Spagna, ovvero i Paesi più colpiti dalla crisi dei migranti, "per alleviare il loro onere e rimborsare e onorare una parte dei loro costi e sforzi".

La Grecia volta pagina: nella notte è stato raggiunto a Lussemburgo l'accordo con l'Eurogruppo per l'uscita dal piano di aiuti. Nell'impossibilità di accedere ai mercati finanziari, la Grecia ha quindi chiesto aiuti alla comunità internazionale. Questa cifra è il risultato di tre diverse misure di salvataggio a vantaggio del Paese.