Lavoro, Di Maio: reddito cittadinanza in cambio 8 ore a comuni

Regolare Commento Stampare

Lo ha spiegato il vicepremier Luigi Di Maio, sottolineando che "mentre ti formi e lo Stato investe su di te, ti dà un reddito e in cambio al tuo sindaco ogni settimana restituisci otto ore lavorative gratuite di pubblica utilità". Pur comprendendo l'esistenza di un sostegno al reddito per coloro che non lavorano, ha spiegato tuttavia che occorrerà capire "come questo nuovo strumento si incrocerà con quelli che abbiamo, in che misura li potenzia".

L'Italia, se passerà la proposta dei grillini presente nel contratto di governo M5S-Lega, con 780 euro al mese, cifra che equivale alla soglia di povertà del 2014 (812 euro se si analizzassero i dati del 2016), sarebbe il paese dell'UE con reddito minimo maggiore. Penso anche, però, che siamo di fronte a una emergenza assoluta che richiede una risposta subito. Gli stessi centri (che saranno modernizzati e potenziati) dovranno poi occuparsi di trovare un'occupazione ai beneficiari, che alla terza offerta di lavoro rifiutata perderanno il diritto al reddito di cittadinanza. "La prossima è la settimana buona per abolire i vitalizi dei parlamentari". Lo dice il vicepremier Luigi Di Maio. Per il reddito "è necessaria la riforma dei centri per l'impiego".

La replica del ministro dell'Economia era arrivata 24 ore dopo: "Non so a cosa si riferiva" Di Maio "ma nelle mie discussioni con il ministro non si è mai entrati in questo dettaglio e non mi è stata mai espressa questa idea", aveva detto Tria il 22 giugno dal Lussemburgo a chi gli chiedeva se l'auspicio del vicepresidente del Consiglio sia realizzabile o meno.

Si ritorna a parlare di reddito di cittadinanza. L'obiettivo è un altro: dire con molta franchezza 'tu hai perso il tuo lavoro perché quel settore è finito o si è trasformato. Ora ti è richiesto un percorso per riqualificarti ed essere reinserito in nuovi settori. "Vieteremo pubblicità sul gioco d'azzardo", ha aggiunto Di Maio, "e interverremo sulle delocalizzazioni, c'è un sacco di gente che viene lasciata in mezzo alla strada perché le aziende straniere vengono qui in Italia prendono soldi pubblici e poi se ne vanno all'estero". Per Di Maio, la "vera grande questione e' la riconversione di chi oggi ha bisogno di essere riqualificato".