Il ministro Tria sbugiarda Di Maio sul reddito di cittadinanza

Regolare Commento Stampare

Il vicepremier ha infine sostenuto ancora una volta di condividere le posizioni del ministro dell'Economia Giovanni Tria: "Alla fine sia nel Def e sia nel nostro contratto di Governo c'è chiaramente indicato che la strada per ridurre il debito è investire e non tagliare".

Il tanto atteso provvedimento del reddito di cittadinanza, cavallo di battaglia del Movimento 5 Stelle, si arricchisce di un nuovo capitolo. Luigi Di Maio ha accelerato sulla principale proposta elettorale del M5S. Se infatti il capo politico dei grillini aveva parlato di riforma da realizzare entro il 2018, Tria (oggi in Lussemburgo) ha risposto indirettamente al vicepremier spiegando di non sapere "a cosa si riferiva", ma precisano che nelle sue interlocuzioni col Ministro del Lavoro non si è mai realmente entrati nei dettagli e "non mi è mai stata espressa questa idea": motivo per cui, di fatto, Tria ha tagliato corto coi giornalisti presenti in conferenza stampa, aggiungendo che non può al momento esprimersi né a favore, né contro le parole di Di Maio. Un modo come un altro per far capire che il reddito di cittadinanza non dovrà essere inteso come un sussidio per stare a casa a non fare nulla, ma più come un incentivo per vivere in maniera dignitosa nell'attesa di un lavoro stabile, con un piccolo impegno da mantenere: otto ore a settimana di lavoro a servizio della comunità, da impiegare per svolgere lavori utili. "Ora ti è richiesto un percorso per riqualificarti e essere reinserito in nuovi settori".

Sul reddito di cittadinanza, ha aggiunto, "non arretreremo, ci metteremo insieme come forze politiche e parti sociali, se lo vorrete, perche' non ci siano abusi".

Il reddito di cittadinanza e' uno "strumento che puo' muovere tante obiezioni, ma io ci credo molto e dobbiamo farlo insieme". "Per quanto riguarda il reddito di cittadinanza, è chiaro che per il 2018 bisogna vedere quali sono i provvedimenti che verranno proposti dal ministro competente, come verranno articolati e come verrà distribuito nel tempo".