Tragedia nel motociclismo: morto Andreas Perez, pilota di 14 anni

Regolare Commento Stampare

Vani sono stati i tentativi dell'equipe medica di salvare Andreas Perez. Il suo cuore ha continuato a battere, tanto che durante la nottata i medici hanno tentato invano di salvarlo, dovendo questa mattina ufficializzare la sua scomparsa in seguito ai già citati danni cerebrali rimediati nell'incidente. Purtroppo la situazione è stata subito tragica, il pilota del team Reale Avintia è stato dichiarato cerebralmente morto nel tardo pomeriggio di ieri.

Andreas Perez Manresa ha quattordici anni ed era alla sua stagione di debutto nel FIM CEV Repsol Moto3. Il quattordicenne, che gareggiava per Reale Avintia Racing, è stato coinvolto in un incidente che ha coinvolto più piloti sul Turn Five.

Andreas Pérez è stato ricoverato con lesioni cerebrali molto gravi e poco dopo è stata diagnosticata la morte cerebrale. Il mondo del motociclismo è sotto choc per l'accaduto. Viene quindi spiegato: "L'incidente è accaduto nella seconda gara della giornata per la categoria Moto3, con la bandiera rossa mostrata immediatamente, il pilota ha ricevuto cure mediche sul lato della pista prima di essere trasferito in ospedale in elicottero". Andreas è un pilota conosciuto e molto amato nel paddock del campionato spagnolo che in queste difficili ore si stringe nel dramma del giovane talento e della sua famiglia, come tutto il mondo dei motori attraverso post e messaggi sui social. Abbiamo perso un grande pilota, ma sopratutto una grande persona e ci mancherà moltissimo. Andreas era stato subito trasportato all'ospedale Sant Pau di Barcellona e le sue condizioni erano sembrate disperate.