La perizia medico-legale: 'Astori aveva una patologia cardiaca'

Regolare Commento Stampare

"Le notizie diffuse nei giorni scorsi delle quali, peraltro, non si conoscono le fonti, risultano estremamente confuse".

Per questo e in segno di rispetto per Davide, oltre che per tutti noi, chiediamo che venga mantenuto il silenzio più rigoroso relativamente alle indagini in corso da parte della stessa Procura.

Proseguono gli accertamenti della procura di Firenze per la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, deceduto improvvisamente a Udine il 4 marzo scorso nell'hotel dove la squadra era in ritiro prima della partita di campionato con l'Udinese.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, Davide Astori, difensore della Fiorentina, è morto per una patologia cardiaca mai scoperta. "Vi ringraziamo". Comprendendo le ragioni della richiesta ci ripromettiamo di non riportare altre informazioni sulla morte di Davide Astori che non siano previamente approvate dalla famiglia.

I risultati della nuova perizia, infatti, sostengono che il compagno di Francesca Fioretti, l'ex gieffina mamma di sua figlia Vittoria di due anni, sarebbe stato vittima di una tachiaritmia, ovvero di una accelerazione improvvisa dei battiti. "Non appena il lavoro sarà terminato decideremo se proseguire l'indagine o chiedere l'archiviazione".

Forse il capitano si sarebbe potuto salvare se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme.