Breve esame dell'esenzione IMU e TASI previste per anziani e disabili

Regolare Commento Stampare

Contribuenti alla Cassa entro il 18 Giugno per l'acconto su Imu e Tasi.

Imu e Tasi 2018 scadenza: come avviene il pagamento? Coloro che non pagheranno entro la data indicata come scadenza del versamento dell'acconto, ovvero il 18 giugno e il 17 dicembre per il saldo, potranno comunque mettersi in regola con i pagamenti di Imu e Tasi effettuando i dovuti versamenti e pagando allo stesso tempo delle sanzioni che saranno proporzionate ai giorni di ritardo accumulati per il pagamento.

Sul sito web del Municipio, www.comune.bra.cn.it, sono presenti indicazioni, aliquote, regolamenti e anche i calcolatori automatici per poter definire l'importo da versare, con la possibilità anche di compilare e stampare il modello F24 necessario per effettuare il pagamento. A Mantova ci sono anche 75 abitazioni di lusso e 13 ville che verseranno Imu e Tasi nell'aliquota massima. Si può scegliere la soluzione unica o la rateizzazione.

Oltre a verificare la delibera adottata da parte del Comune, anziani e disabili ricoverati e che hanno acquisito la residenza nella casa di riposo o nella struttura sanitaria non dovranno pagare le due imposte in scadenza il 18 giugno 2018 solo nel caso in cui le unità immobiliari possedute a titolo di proprietà o usufrutto non siano state date in affitto. In questo caso viene applicata la solita aliquota comunale con detrazione di 200 euro fisse. Ma, chi non deve versare nulla?

E' importante ricordare che per prima casa si intente l'appartamento che costituisce la residenza anagrafica del proprietario, che non deve essere necessariamente possessore dell'appartamento di residenza: il proprietario di una sola unità immobiliare potrebbe veder diventare la medesima unità una seconda casa, nel caso in cui sposti la sua residenza in una casa non di proprietà (ad esempio comodato d'uso gratuito o locazione).

In sostanza, se vi sono 4 soggetti obbligati al versamento Imu e Tasi in relazione ad un unico immobile e qualora l'importo delle imposte su base annua risulti essere pari a 40 euro, nessuno sarà tenuto a pagare in quanto la quota addebitata risulterà essere inferiore al limite minimo per il versamento.

La risposta al quesito non è semplice ne univoca perché a stabilire se l'anziano ricoverato in una casa di riposo o il disabile residente in una struttura sanitaria paga o meno le due imposte è la singola Amministrazione comunale.