TORINO. Migranti: 'aprite i porti', presidio questa sera a Torino

Regolare Commento Stampare

La Milano anti razzista è scesa in piazza per protestare contro la decisione del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, di chiudere i porti italiani alle navi dei migranti. "Si auspica una revisione e modifica degli accordi siglati dall'Italia in sede Europea che rispecchino sempre la tutela dei diritti umani -concludono i rappresentanti delle associazioni - assumendosi pertanto lo stesso neo ministro, tutta la responsabilità di potenziali fatti gravi che in questi 4 giorni di navigazione potrebbero accedere, in violazione dei diritti umani".

Nel frattempo, la nave è lì, con oltre 600 persone a bordo, in mare.

La decisione di chiudere gli scali italiani è arrivata, a sorpresa, nel pomeriggio di domenica 10 giugno, e, ribadendo che il Bel Paese non può farsi carico da solo dell'emergenza migranti, Salvini sottolinea che non vuole far diventare l'Italia "un immenso campo profughi". "La priorità - ha aggiunto - è che maltesi e italiani permettano alla nave di sbarcare i migranti: rivolgiamo un appello perché le persone siano sbarcate velocemente e ricevano le cure necessarie".

Da Palazzo Chigi è intervenuto anche il Premier, Giuseppe Conte, che ha disposto l'invio di due motovedette con medici a bordo.

Per questo, uniti, esortiamo le autorità competenti a vietare nelle competizioni elettorali la presentazione di liste direttamente o indirettamente legate a organizzazioni, associazioni o partiti che si richiamino al fascismo o al nazismo, come sostanzialmente previsto dagli attuali regolamenti, ma non sempre applicato, e a proibire nei Comuni e nelle Regioni iniziative promosse da tali organismi, comunque camuffati, prendendo esempio dalle buone pratiche di diverse Istituzioni locali.

Che cosa sta succedendo. In Italia il business dell'immigrazione non è più tale. Nessuna persona è illegale, oppure Ama il tuo prossimo se ha i documenti.

Anche Arci Genova ha condiviso l'evento.

Un annuncio, quest'ultimo, fatto tramite un post sul profilo Facebook di Nogarin. "Napoli è pronta, senza soldi a salvare vite umane". In poche ore l'hashtag #chiudiamoiporti lanciato da Salvini, da subito tra i trending topic, è stato scalzato in classifica da #umanitàperta, lanciato dal sito di informazione "Valigia Blu" in risposta a quello del Ministro dell'Interno.