Summit Singapore, perché Kim è arrivato su un aereo dell'Air China?

Regolare Commento Stampare

Il presidente ha aggiunto anche che "le sanzioni rimarranno in vigore fino alla completa denuclearizzazione" e che per ora l'accordo firmato tra Usa e Corea del Nord "è un pezzo di carta, ma Pompeo (l'attuale Segretario di Stato degli Stati Uniti, ndr) ha detto che in passato altri presidenti hanno firmato pezzi di carta che poi non hanno avuto seguito. Il mondo vedrà un grande cambiamento", ha detto il leader nordcoreano Kim.

La firma di un "accordo storico" ha coronato l'incontro Trump-Kim Jong-un a Singapore. Trump e Kim sono seduti l'uno di fronte all'altro e il clima appare molto cordiale. E ora che il presidente americano avverte che le sanzioni alla Nord Corea non debbono essere tolte prima di risultati concreti nella denuclearizzazione, la Cina dice che invece l'embargo dev'essere riconsiderato subito, perché le risoluzioni punitive dell'Onu prevedono "un aggiustamento se Pyongyang si adegua alle prescrizioni". Si è trattato di un tentativo "disperato" di difendere un'unità dell'Occidente che è stata demolita dalle picconate di Donald Trump e dalla rivolta di gran parte dell'elettorato che ha bocciato e continua a bocciare la globalizzazione per le sue conseguenze negative a livello economico e sociale. Il presidente Usa, cravatta rossa d'ordinanza, e il leader nordcoreano, al solito completamente in nero, si sono incontrati sul patio del Capella Hotel, sull'isola di Sentosa. Dopo la firma, Trump, rispondendo a una domanda dei giornalisti, ha detto che inviterà Kim alla Casa Bianca.

Il presidente statunitense ha anche pubblicamente ringraziato il suo omologo cinese, Xi Jingping, per aver facilitato il vertice: "È un grande leader e un grande amico", ha detto Trump.

Alcuni giorni fa due dipendenti dell'emittente sudcoreana Kbs sono stati arrestati per aver violato la casa dell'ambasciatore nordcoreano a Singapore.

La notizia della decisione del Canada di non rimanere con le mani in mano nella guerra commerciale lanciata a suon di dazi dal presidente americano non era dunque del tutto nuova.

Il summit ha avuto un costo di quasi 13 milioni di euro e la metà del budget è destinato alla sicurezza, componente importante dell'organizzazione data l'importanza dei leader presenti al tavolo dei negoziati.

Il governo di Singapore ha anche schierato la squadra di soldati di élite, i gurkha nepalesi, famosi per il khukuris, un tipico coltello pesante e dalla lama curva, oltre che per le loro capacità militari.

L'appuntamento del 12 giugno è la tappa conclusiva di mesi intensi, un vero e proprio giro in montagne russe nel rapporto tra i due capi di stato.

Un crescendo di sintonia fra i due leader, culminato con la firma di un documento comune che prevederebbe la denuclearizzazione della penisola coreana.

Infine un punto spesso dimenticato: quest'anno il gruppo Open Doors che monitora le condizioni dei cristiani nel mondo ha definito la Corea del nord "il peggior paese", per le persecuzioni, gli arresti e le punizioni estreme contro i fedeli, visti come sovversivi. E questo per il semplice fatto che in realtà appartiene a una diversa categoria (a class of his own) totalmente inedita e, in quanto tale, inconfrontabile: quella - chiamiamola così - dei "non-presidenti". "Il mio incontro con Kim è stato onesto, diretto e produttivo", ha affermato Trump, che ha ringraziato il leader nordcoreano.