ALLEGRI: "Non ho detto no al Real ho detto sì alla Juve"

Regolare Commento Stampare

"Noi siamo gli unici ad aver eliminato gli attuali campioni, poi per vincere le finali serve anche fortuna". "E' un giocatore straordinario, che può diventare ancora più forte a patto che faccia quello che sa fare, senza volersi immedesimare in altri". Ho telefonato a Florentino Perez, l'ho ringraziato per l'offerta, e gli ho detto che non potevo accettarla proprio per questa ragione. Poi l'Inter, con Spalletti che si nasconde e fa l'attore. "La Juventus è da quattro anni nelle prime d'Europa e quindi bisogna continuare a migliorare il percorso che abbiamo iniziato quattro anni fa e sono molto contento di farlo insieme al Presidente, insieme a Marotta a Paratici e a Nedved e a tutti quelli che lavorano nel club - ha proseguito - La Juve è un club ambizioso e il Presidente ancora di più". "Se dovessi andare via, il primo a saperlo sarà il Presidente oppure sarà lui a dirmi che vuole cambiare allenatore". No a Real e Chelsea? Alla fine potrebbero dare a lui la colpa del caos nella nazionale spagnola: se avesse detto di sì a Florentino, Lopetegui sarebbe ancora al suo posto, ma Max è davvero sereno e si gode una pattuglia di 120 bambini che gli corrono intorno.

Aspettiamo, vediamo, coi Mondiali il mercato si sviluppa post. "Perché era una decisione che avevo preso, poi nella vita come sempre possono succedere altre cose però direi che ho preso la decisione di rimanere alla Juventus rispettando quello che avevo detto senza andare a prendere in considerazione altre cose anche se devo ringraziare il presidente del Real Madrid che mi aveva dato la possibilità di poter andare". Abbiamo tempo per ricaricare le batterie.

"L'anno scorso all'inter ha fatto bene". Spalletti lo ha migliorato molto ma credo che sia un giocatore del Valencia. Far restare i giocatori controvoglia è dannoso. "Io vado il 9 trovo la squadra di solito trovo dei buoni giocatori e quest'anno sarà lo stesso". "Dobbiamo arrivare a marzo dentro a tutte e tre le competizioni e da lì inizia una nuova stagione".