Francia, primo sì del Parlamento al divieto dei cellulari a scuola

Regolare Commento Stampare

Troppi telefonini in classe, troppe distrazioni per i giovani alunni. L'assemblea nazionale francese ha infatti votato, per ora solo in prima lettura, una proposta di legge che punta al "divieto effettivo" dei telefoni portatili nelle scuole e nei licei a partire dall'anno prossimo.

Per il governo si tratta di un "segnale alla società". Hanno votato a favore il partito del presidente Macron, En Marche, i centristi del Mouvement Démocrate e i liberali dell'Unione dei Democratici e degli Indipendenti. Un provvedimento che riguarderà praticamente tutte gli studenti, visto che secondo i dati il 93% dei francesi tra i 12 e i 17 anni possiede un telefono cellulare.

BFMTV ha fatto notare che il codice dell'istruzione, che raccoglie tutte le leggi francesi per l'istruzione, vieta già l'utilizzo degli smartphone durante le attività di insegnamento e nei luoghi previsti dal regolamento interno.