Touré attacca Guardiola: "Finge di non avere problemi con gli africani"

Regolare Commento Stampare

"Forse noi africani non siamo sempre trattati allo stesso modo da certe persone - ha detto a France Football -".

Il calciatore ivoriano del Manchester City, Yaya Touré, pensa che l'allenatore spagnolo Pep Guardiola abbia problemi "con i giocatori di colore". Ho cercato di capire se tutto questo è stato dettato dal mio colore della pelle e so di non essere stato l'unico a farmi questa domanda, è capitato anche ad alcuni giocatori del Barcellona. "Prendete il caso Bony (Wilfried, oggi allo Swansea), è stato escluso dal City in un modo brutale". "Il trattamento di Guardiola nei confronti di Yaya al Manchester City non è un errore, ma un crimine che avrà delle conseguenze".

Alla domanda su possibili problemi del tecnico con i giocatori neri, il centrocampista ha risposto: "Abbiamo notato che ha avuto spesso problemi con gli africani, ovunque sia andato, io mi faccio delle domande (.) Lui finge di non averne nessuno, perché è troppo intelligente per essere intrappolato, non lo ammetterà mai ". Sentite quando Touré racconta la peggiore umiliazione subita in stagione. Se non vuoi restare, vai dai proprietari per sistemare la situazione'. "Ma il giorno in cui allenerà una squadra nella quale ci sono cinque africani non naturalizzati gli manderò una torta.". "Una mancanza di rispetto assoluta, un qualcosa di insopportabile". Ho persino chiesto le mie statistiche ai preparatori atletici e quando ho capito che erano più o meno buone, sia in allenamento che in partita, come quelli che giocavano ed erano più giovani di me, ho capito che non era questione di livello fisico. "Ho l'impressone che Pep, il quale non ha né riconoscenza né rispetto, abbia fatto di tutto per rovinare la mia ultima stagione".