Gattuso: "Milan, l'obiettivo è portare a casa top player"

Regolare Commento Stampare

Difficile dare ad oggi opinioni oggettive su quanto questa fase di stallo possa pesare nell'economia della prossima stagione rossonera. Ormai lo sa anche mio figlio quello che dobbiamo fare, ma speriamo di portare a casa giocatori importanti. Mi aspetto di più da tutti, le buone prestazioni non sono bastate. Un Gattuso che seguirà il Mondiale da vicino per rincorrere qualche talento: "Sarò in Russia qualche giorno per vedere le partite".

Una lista della spesa con pochi acquisti mirati: un centravanti, una mezzala e un esterno offensivo.

"Per chi arriverà al Milan - continua Gattuso - la parola chiave deve essere 'noi'". La parola io non mi piace. "Chi verrà deve sapere che rappresenta una società gloriosa e che viene in un gruppo forte che deve fare il salto di qualità". Il singolo giocatore ti fa vincere la partita, ma la squadra ti fa arrivare in fondo. Si può parlare, ad esempio, di rifiuto da parte di Milan Badeji. Speriamo che se arriva qualcuno arriva con questa mentalità, ne abbiamo bisogno. Particolarmente affascinante gli risultava probabilmente il fatto che andasse a trovare una squadra molto giovane e che sotto la gestione Gattuso aveva palesato vistosi margini di crescita. Quello visto con la Fiorentina all'ultima giornata di campionato. E, soprattutto, dobbiamo ricordarci che giochiamo per noi ma anche per i nostri tifosi, persone da non deludere mai. "Ora dobbiamo alzare l'asticella fin dal primo giorno di ritiro, a questa squadra serve entusiasmo". Dobbiamo fargli capire che ci vuole voglia, senso di appartenenza.

Una base rappresentata anche dai tanti giocatori che il Milan fornisce alla Nazionale di Mancini e all'Under21. Capitolo Romagnoli e Bonucci: "La Nazionale è un premio per loro". Romagnoli ha 23 anni ma 200 partite alle spalle, è uno dei migliori difensori al mondo perché abbina qualità e quantità. Bonucci lo conosciamo tutti. Per in Under21 ci sono Calabria, Cutrone e Locatelli. È certo, però, che spesso il mercato è un qualcosa in cui il tempismo gioca un ruolo determinate e l'idea che Mirabelli possa mettersi in moto rispetto ad altri potrebbe rappresentare un handicap non da poco.