Conte al Senato, Cappellini: 'Discorso generico, nessun cenno a tempi e coperture'

Regolare Commento Stampare

Il Governo sostenuto da Lega e Movimento 5 Stelle guidato da Giuseppe Conte ha ricevuto la fiducia dal Senato. Eccoli, quelli del 'dobbiamo salvare le istituzioni dai populisti che non rispettano la democrazia', ancora una volta assenti in blocco in aula, mentre il presidente Conte si presenta alla Camera. "La verità è che su infrastrutture e grandi opere al governo e alla maggioranza tremano le gambe, sono terrorizzati, ondeggiate tra vuote dichiarazioni, spesso contraddittorie, e fughe nette dalla realtà", ha aggiunto.

In realtà Conte oggi si è presentato al Senato. Dettagli che hanno fatto sorridere più di qualcuno.

Il suo discorso programmatico ha incontrato diverse critiche da parte dei membri dell'opposizione ma anche da parte dell'opinione pubblica, divisa tra il populismo e un contratto di governo da cui è sparita la questione meridionale.

"Il presidente Conte - dichiara in una nota l'esponente del Pd Anna Ascani - ha tenuto nell'aula del Senato un discorso interminabile, un mix di ovvietà e argomenti molto preoccupanti. Non è un caso, ma una scelta precisa e credo che questo sia uno degli aspetti che qualificano questo governo come il più di destra della storia repubblicana".

"Assumo l'incarico con umiltà e determinazione - ha detto Conte - mosso solo da spirito di servizio". Il presidente del Consiglio interverrà infatti a Palazzo Madama dalle ore 12 per le dichiarazioni programmatiche e replicherà lo stesso alle 13 circa alla Camera dei Deputati (dove domani si terrà la fiducia, più o meno dalle 17.30 in poi).

Il governo oggi potrà contare su 167 voti certi, sei in più rispetto alla maggioranza assoluta: i 58 dalla Lega e i 109 dal M5s. Secondo quanto avevano annunciato in quei giorni, potrebbero votare a favore i senatori del gruppo misto Maurizio Buccarella e Carlo Martelli, senatori cinquestelle che non si sono potuti iscrivere al gruppo dei pentastellati ma a quello misto dopo lo scandalo Rimborsopoli che ha travolto il M5s.