Bimbi intossicati, chiuse le mense scolastiche a Pescara

Regolare Commento Stampare

"Saremo al fianco delle famiglie e a tutela della salute dei bambini, se verrà accertato che a provocare i malori è stato il cibo somministrato alla mensa - ha dichiarato il sindaco - Se dagli accertamenti il malore risultasse conseguenza della qualità del cibo ingerito a scuola attiveremo ogni forma di tutela a carico dell'ente per la salvaguardia della salute dei bambini". Durante la conferenza della direzione generale della Asl di Pescara avvenuta questa sera è stata esclusa la salmonella ma si attendono i risultati ufficiali e decisivi compiuti dalle analisi dell'Istituto Zooprofilattico di Teramo che dovranno determinare il tipo di batterio responsabile dell'intossicazione. Il provvedimento resta in vigore finché non sarà individuato con certezza il cibo contaminato. Nel corso del controllo sono stati eseguiti sequestri e vincoli sanitari di alimenti, oltre che campioni completi di tutte le matrici alimentari presenti nella struttura. Lo dice all'Ansa l'assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, Silvio Paolucci, a proposito della vicenda dei malori tra i bimbi di Pescara colpiti da una presunta tossinfezione alimentare. A distanza di alcuni giorni qual è la situazione attuale? Almeno sei o sette, secondo le prime informazioni, le scuole di appartenenza delle persone finite in ospedale, residenti in zone diverse della città. Fortunatamente nessuno dei casi in esame è considerato grave.

Il sindaco di Pescara Marco Alessandrini ha deciso di sospendere il servizio mensa in tutte le scuole.

Intanto sono attesi per oggi i primi risultati dell'indagine epidemiologica disposta dalla Asl di Pescara. I Carabinieri del Nas, guidati dal maggiore Domenico Candelli, stanno eseguendo anche oggi tutta una serie di accertamenti, in particolare al centro cottura "Giardino" di Via Lago Di Borgiano.