Molinette: ricostruito un pene usando parte dell’avambraccio

Regolare Commento Stampare

L'uomo, dopo attenta valutazione multidisciplinare, viene sottoposto a un delicatissimo intervento di ricostruzione totale del pene con un lembo microrchirugico prelevato dall'avambraccio sinistro. In realtà nonostante si tratti di un intervento davvero molto importante era stato già effettuato presso lo stesso Ospedale Molinette e quindi si tratterebbe di una pratica piuttosto collaudata e anche molto semplice o meglio più semplice da realizzare rispetto al trapianto di pene di cui se ne sono registrati soltanto tre in tutto il mondo e l'ultimo risale proprio allo scorso 23 aprile terminato ed effettuato presso l'ospedale Johns Hopkins di Baltimora nel Maryland.

La storia è cominciata quando gli era stata diagnosticata la malattia, che aveva colpito anche i linfonodi inguinali conosciuto anche come tumore al pene. Ciò aveva fatto cadere in depressione il paziente, che data la sua giovane età, vedeva compromesse la sua vita sociale. Gli viene indicata quale Centro di riferimento la Clinica Urologica universitaria dell'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino (diretta dal professor Paolo Gontero). Un 45enne senza pene, a causa di un tumore, è stato sottoposto alla ricostruzione totale dell'organo sessuale con un lembo microchirurgico prelevato dall'avambraccio sinistro.

Il suo caso verrà analizzato durante il meeting internazionale di Chirurgia genitale, ricostruttiva e robotica, organizzato per domani e dopodomani, 31 maggio e 1 giugno, presso l'Aula Magna dell'ospedale Molinette, in corso Bramante 88.

L'intervento, durato otto ore, è stato eseguito dalla équipe ricostruttiva genitale del professor Paolo Gontero, composta da Marco Falcone e Massimiliano Timpano, e dal microchirurgo, Davide Ciclamini.

"A distanza di 2 mesi dpossiamo dichiararci soddisfatti per la riuscita dell'intervento che ha restituito al paziente la sua mascolinità" ha dichiarato Gontero, "ora siamo in attesa, tra alcuni mesi, di impiantare una protesi idraulica del pene che restituirà al paziente la possibilità di avere nuovamente una vita sessuale attiva".

Il tumore del pene é un evento raro, ma che può causare gravi menomazioni dei pazienti, soprattutto quelli colpiti in giovane età. Esperti interverranno con l'esecuzione di interventi, in diretta streaming, di ricostruzione di complesse anomalie dei genitali e dell'uretra.