Sentite Cassano: "Stramaccioni il peggiore, fu giusto alzare le mani"

Regolare Commento Stampare

Gli urlai che, fino al momento in cui gli avevo fatto comodo, mi aveva abbracciato a ogni goal e considerato un bravo allenatore, mentre successivamente ero diventato il peggiore allenatore del mondo - ha precisato l'allenatore - Oggi, a tanti anni di distanza, Cassano probabilmente ha scelto di attaccare la persona meno forte mediaticamente di tutte quelle che ha incontrato nella sua carriera. E mi voleva bene come un padre.

"A lui mi sono legato tremendamente - ricorda Cassano - in lui vedevo il padre che non avevo mai avuto". Lui mi dava tutte le attenzioni, qualsiasi cosa avessi bisogno, mi dava consigli. "L'errore più grande della mia vita è stato mancargli di rispetto in quell'occasione, anche se in seguito ho avuto modo di chiarirmi". Difficilmente sono arrivato alle mani con qualcuno, però con lui era giusto arrivare a tanto; era una persona che non mi piaceva e continua a non piacermi, e non mi piacerà mai. "Perché se una persona nasce quadrata non può morire tonda e lui non è stato una persona onesta, leale".

A Sky Sport il barese racconta anche la sua gioventù: "La mia infanzia è stata difficilissima perché non potevo mangiare, non avevamo soldi per andare avanti. Lui si era convinto dopo Natale che io a fine stagione non lo avrei confermato ed era invece sicuro di rientrare nei piani di Mazzarri, che poi fu esattamente colui che lo scaricò...".

"Fino a 17 anni c'è sempre stato il pericolo che potessi dire dall'oggi al domani: "non faccio il calciatore, non guadagno niente, mi son stancato, prendo un'altra strada". Avevo qualità incredibili e ho sfruttato la mia dote.

Ti è pesata l'assenza di una figura paterna?

Io mi reputo un ragazzo molto intelligente, perché sono arrivato ad un punto e mi sono detto che dovevo dedicare la mia vita solo al calcio, non ho mai bevuto né mi sono drogato.

In nerazzurro le cose non erano andate male, almeno a livello individuale, ma il rapporto con il tecnico Andrea Stramaccioni, poi sostituito da Walter Mazzarri al termine del campionato, non fu mai ottimale.