Oettinger (Commissario UE): i mercati insegneranno agli italiani a votare

Regolare Commento Stampare

Il tedesco Guenther Oettinger, nel corso di un'intervista televisiva la cui versione integrale andrà in onda stasera su una tv francese, rilascia la seguente dichiarazione: "I mercati insegneranno agli italiani a votare per la cosa giusta, a non votare per i populisti alle prossime elezioni". "I mercati insegneranno agli italiani a votare per la cosa giusta" ha detto in un'intervista al corrispondente di DwNews a Strasburgo, secondo quanto si legge sull'account Twitter dello stesso Bernd Thomas Riegert.

Giornali italiani e agenzie di stampa - fra i quali il Corriere - hanno riportato la dichiarazione solo quando il commissario - che tra l'altro si occupa del bilancio dell'Ue e non di mercati o finanze europee - ha retwittato il messaggio del giornalista, confermando agli osservatori esterni la veridicità e l'intenzionalità della sua dichiarazione.

Le parole di Oettinger, anche se poi precisate, hanno scatenato l'ira di tutti i paritti in Italia, tanto che anche il presidente della commissione europea Jean Claude Juncker è stato costretto a intervenire per rettificare le parole del commissario.

Per Luigi Marattin la dichiarazione di Oettinger "non solo è offensiva verso il popolo italiano (che non ha bisogno di farsi insegnare come votare da nessuno), ma anche pericolosa, perché alimenta le tensioni sui mercati finanziari che in queste ore sono particolarmente nervosi". Le sue parole - prosegue - sono di una gravità inaudita e sono la prova delle evidenti manipolazioni che la democrazia italiana ha subito negli ultimi giorni.

"Quello che temo e che penso accadrà è che le prossime settimane finiscano per mostrare drastiche conseguenze nei mercati italiani, sui titoli e sull'economia, così vaste che dopotutto potrebbero spingere gli elettori a non votare per i populisti di destra e di sinistra".

"Gunther Oettinger, si dimetta immediatamente". Ma non c'è dubbio che il commissario abbia auspicato un condizionamento dei mercati sul voto degli italiani. "Io non ho paura prima gli italiani", ha risposto su Twitter Matteo Salvini. Chiedo a tutti di rispettare la volontà degli italiani. Così in un tweet il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani. E il capo della comunicazione di Deutsche Welle, Christoph Jumpelt, contattato dall'Ansa come sia stato possibile l'errore nel tweet sull'Italia, relativo all'intervista al commissario Ue: "Il nostro redattore purtroppo nel suo tweet non ha separato in modo chiaro la propria valutazione dalla citazione. Le dichiarazioni da rappresaglia del commissario europeo al Bilancio Oettinger, tedesco e membro della Cdu, sono gravissime e svelano la sua vera maschera". "Non ne avevamo proprio bisogno", chiosa l'esponente azzurra. Il 26 ottobre 2016, nel corso di un convegno, definì i cinesi dei "furbastri con gli occhi a mandorla" che "si pettinano usando il lucido da scarpe", parole anche vagamente razziste rivolte al primo partner commerciale di Berlino.

"Almeno lui ci mette la faccia e esplicita la strategia messa in atto dall'establishment italiano e europeo", commenta Stefano Fassina su Twitter.