Uccide la ex, poi si suicida: Federico Zini giocava in Serie D

Regolare Commento Stampare

Non è chiaro se l'uomo abbia ucciso l'ex già a Prato o l'abbia costretta a salire in auto e poi le abbia sparato una volta raggiunto il parcheggio a San Miniato, dopo aver percorso una cinquantina di chilometri, prima di volgere l'arma contro di sè e fare fuoco, uccidendosi. Sono scattate le ricerche dell'altra auto e stamattina, intorno alle 9, i cadaveri di entrambi sono stati ritrovati in un parcheggio di San Miniato, vicino allo stadio. Entrambi uccisi da colpi di pistola.

Zini era impegnato in iniziative di solidarietà, in particolare "Un pallone per il sorriso": aveva contattato colleghi più 'famosi' (come l'ex Samp Palombo) per ottenere le loro maglie, da mettere poi all'asta: per aiutare i bambini ricoverati, come aveva spiegato. "E' stato un omicidio-suicidio, non ci sono dubbi", spiegano gli investigatori. Poi, dopo un furibondo litigio, il giovane avrebbe sequestrato la donna e l'avrebbe costretta, forse minacciandola con la pistola, a salire sulla propria auto. Testimoni raccontano anche di aver sentito dei colpi d'arma da fuoco e poi un'auto fuggire ad alta velocità. Infine il tragico epilogo. I militari di Prato, arrivati sul posto, non hanno però trovato nessuno, solo l'auto abbandonata di Zini: le ricerche si sono concluse a San Miniato con il ritrovamento dei due corpi senza vita. Zini è partito in macchina dalla sua casa di San Miniato diretto a Galciana, frazione di Prato, dove la giovane risiedeva.

Federico Zini giocava nel Tuttocuoio, adesso in serie D, squadra storicamente finanziata dagli imprenditori di Ponte a Egola (Pisa). Zini, cresciuto nel settore giovanile dell'Empoli, ha poi avuto diverse esperienze in Serie D, in Lega Pro e all'estero, precisamente a Malta con il Msida, Bulgaria con il Botev Vrasta, nelle Filippine il Ceres-Negros e in Mongolia con l'Ulaanbaatar. Era rientrato in Italia dopo un infortunio. Finché ha deciso di impugnare una pistola e uccidere l'ex fidanzata.

Delitto passionale per una giovane coppia di innamorati. L'ultima foto insieme è stata pubblicata l'8 giugno 2017 a Londra dove avevano trascorso qualche giorno di vacanza.

In una di queste, ad Elisa la dedica di queste parole della canzone 'La Cura' di Battiato: "Perché sei un essere speciale e io avrò cura di te".