De Vrij ora ammette: "Contro l'Inter non mi sentivo di giocare"

Regolare Commento Stampare

Proprio al termine della sfida agli azzurri sono programmate le visite mediche con l'Inter di Stefan de Vrij. Chi mi conosce sa che ho dato tutto in quella partita. De Vrij ha confermato di aver chiesto di essere tenuto fuori dalla gara: "Alla vigilia del match, avevo detto alla società che non avevo buone sensazioni in merito alla partita, sentivo che non avrei mai potuto giocare bene. Non so se ci credono in Italia, ho spento tutto per una settimana e mi sono concentrato solo sull'Olanda". Ma loro mi hanno detto di volermi vedere giocare. "Alla fine non ho notato nulla del trambusto che si è creato, mi sono completamente isolato".

"VOLEVAMO LA CHAMPIONS LEAGUE" - Per de Vrij rimane insomma il rammarico per non aver centrato con la Lazio la qualificazione alla massima competizione europea, che invece disputerà il prossimo anno con la sua nuova squadra: "Ero concentrato per raggiungere i nostri obiettivi".

L'ex Lazio, in una intervista realizzata in patria, ha rilasciato le prime parole da interista: "Ho firmato un contratto di cinque anni con i nerazzurri - le sue parole al giornale olandese Algemen Dagblad -".

LA SCELTA INTER - "Dei tanti club che mi hanno cercato, l'Inter è quello che mi è piaciuto di più, per il progetto, le ambizioni e le sensazioni che mi ha lasciato. Sono pronto per una nuova sfida e l'Inter me l'ha offerta".