Martina: Lega e M5s giocano su pelle Italia, da Pd mobilitazione

Regolare Commento Stampare

"In queste ore e in particolare sabato dalla nostra Assemblea nazionale lanceremo la nostra mobilitazione per difendere il futuro dell'Italia nella nuova Europa e per aggregare tutte le forze e le energie che non intendono rassegnarsi allo scenario pericoloso prospettato da Lega e Cinque Stelle in queste ore". A oggi, infatti, nessuno ha chiaro chi abbia la maggioranza nell'assemblea nazionale, un organo composto da circa duemila persone elette durante il congresso del 2017.

Il partito democratico è in fibrillazione. Con il governo che si sta formando mi sembra difficile sia possibile farlo sotto la guida di una commissione congressuale.

Roma, 16 mag. (AdnKronos) - Maurizio Martina conferma la sua candidatura a segretario del Pd in vista dell'assemblea nazionale di sabato e, contestualmente, viene incontro alle richieste dell'area renziana per un congresso entro l'anno. Eleggere un segretario in assemblea e fare il congresso. A ciò si devono aggiungere le altre frizioni che si registrano nella coalizione, a causa dell'ingresso del gruppo di Iacovacci, che ha fatto infuriare demitiani e pezzi dei democrat, e del ritorno del figliol prodigo Gianluca Festa, che ha lasciato di sasso deluchiani, decariani nonchè il sindaco Paolo Foti, ancor più sconfortato dal fatto che il veto sulla ricandidatura è valso solo per i suoi assessori. Nei prossimi mesi dovremo certo discutere e decidere ma anche lottare, batterci, fare opposizione in Parlamento e nei territori. Stessa linea del veltroniano Walter Verini: va chiesto a "Martina di gestire da segretario eletto il cammino verso un congresso ravvicinato".

Per Areadem di Dario Franceschini parla Marina Sereni: "Martina ha avanzato ieri una nuova proposta". E ancora: "Non possiamo non avere un segretario pienamente legittimato che ci porti al Congresso in tempi rapidi". E' evidente però che il reggente non sta chiedendo di restare in carica per un mandato più lungo, di quattro anni, come prevede lo statuto. Tra le ipotesi caldeggiate dall'ala 'mediatrice' del partito, c'è anche quella di non arrivare alla conta. Non credo che esista questo tema. "Non può essere oggetto di divisione che si faccia a ottobre, novembre o febbraio". "Penso che l'assemblea possa essere un momento importante di chiarezza ma anche di unità".

Intanto in numeri dell'assemblea che si terrà sabato sono i seguenti.