Carburanti - Pessime notizie per gli automobilisti: il prezzo della benzina sale vertiginosamente

Regolare Commento Stampare

I viaggiatori abituali se ne saranno accorti da qualche giorno: il costo della benzina è tornato a sfondare il muro degli 1,6 euro al litro, raggiungendo il massimo livello da luglio del 2015. Vi è poi il fenomeno, sempre più vasto, di evasione delle imposte di fabbricazione e dell'IVA, fenomeno in cui si può essere coinvolti effettivamente a propria insaputa. Scegliendo di fare rifornimento self service, la benzina viene e costare, in media, 1.615 euro, con i diversi marchi che vanno da 1.615 a 1.629 euro, con la modalità servito invece la media è di 1.739 euro al litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,716 a 1,801 euro.

Velocità a detta del Codacons ingiustificabile visto che il petrolio da raffinare è stato acquistato nel mese scorso quando in effetti il prezzo del petrolio era inferiore.

Il Codacons chiede "ai Nas di indagare sui recenti rincari dei listini".

Certifuel, presentato da Forini Petroli, azienda leader nella distribuzione di carburanti sia per distributori stradali sia per distributori interni, offre non solo una certificazione qualitativa del carburante, ma anche un sistema di controllo elettronico dei consumi a 360° con l'obiettivo di evitare furti, perdite, errori nelle consegne, ottimizzare l'uso del veicolo.

A livello territoriale trova nuova linfa quindi il trend di crescita dei prezzi praticati. "Rincari anche per la benzina, che aumenta alla pompa del +2,8% al punto che per un pieno di carburante si spendono oggi 2,3 euro in più rispetto al mese scorso" spiega l'associazione dei consumatori.

Si arriva a 1,805 nel caso della benzina con Api-IP. Per quanto riguarda il diesel il prezzo medio praticato è di 1,487 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,486 a 1,509 euro/litro (no-logo a 1,466). Al contrario di quelle di marca, tra cui si va dal 1,677 di Api-IP al 1,606 di Tamoil. Gpl a 0,635 euro/litro (invariato, pompe bianche 0,622), metano a 0,961 euro/kg (invariato, pompe bianche 0,952). Mentre nel caso delle pompe no logo ci si ferma a 0,624.