Roma, Raggi: pecore e capre per brucare l'erba in parchi e ville

Regolare Commento Stampare

Negli ultimi sei mesi, sono stati già approvate più di 104 adozioni: "come accade in altre città italiane - fa sapere l'assessore - i parchi vengono gestiti molto bene dai comitati dei che intervengono, il ruolo della cittadinanza attiva è fondamentale". Tra le domande dei cittadini, lette in diretta dall' assessore, quella di Simonetta che ha sottolineato come "al Castello di Berlino si sia tornati ai vecchi tempi con pecore e caprette come tosaerba".

"Non male - ha replicato la Montanari la replica di Montanari - la sindaca Virginia Raggi anche di recente mi ha sollecitato all'utilizzo delle pecore e degli animali per effettuare questa attività, che già viene fatta al Parco della Caffarella". La notizia scatena subito critiche e ironie da parte dell'opposizione ai 5 Stelle, Pd in testa, anche perché molti parchi di Roma, vista la difficoltà di affidare i bandi del verde, presentano erba alta e aiuole incolte.

Capre e pecore come tosaerba per gestire il verde pubblico di Roma? "La Capitale per imitare le fattorie urbane di Berlino trasforma i suoi parchi in pascoli". E c'è chi posta sui social l'ennesima foto di una famiglia di cinghiali, papà, mamma e cuccioli al seguito, in uno strada della periferia nord di Roma vicino al Parco dell'Insugherata.

A dirlo è Tina Balì, segretaria della Cgil di Roma e del Lazio, secondo cui "accomunare i femminicidi che sono un crimine di civiltà, oltre che un reato, all'aborto, che è regolato da una legge dello Stato che vige da quarant'anni, è intollerabile e squalificante". Il tutto circondato dalle transenne dalla Polizia locale di Roma Capitale, che, di fatto, dimostrano il fallimento del "Piano Marshall" sull'emergenza buche.

D'altronde Roma è la Capitale più verde d'Europa e i costi per una gestione "minima ottimale del verde", come la definisce Montanari, ammonterebbero a 109 milioni di euro. Il confronto con altre grandi città "è drammatico - dice l'assessore -". Intanto, il 25 di maggio dovrebbe esserci l'aggiudicazione della gara di appalto per le aree verdi cittadine.