Napoli - De Luca,piazza Garibaldi sembra Calcutta

Regolare Commento Stampare

Sanità, la Cgil chiede la convocazione di un tavolo urgente con il Commissario straordinario per la sanità in Campania Vincenzo De Luca.

Napoli come Calcutta. "Nei giorni a cavallo del primo maggio mi sono fatto a piedi a Napoli dall'ospedale Annunziata a Piazza Garibaldi per mangiare da Mimì alla Ferrovia". Altro che Salernocentrismo. "Napoli - spiega De Luca - non sprofonda solo perché c'è la Regione e perché per ragioni internazionali ha i turisti". "Altre regioni italiane, viene fatto rilevare dalla segreteria della Cgil campana, hanno rotto le convenzioni con le strutture private che non hanno tenuto conto di quanto previsto dai CCNL".

E prosegue: "L'atteggiamento di De Luca mi ricorda, anche se con modalità diverse, quello che ha contraddistinto in una fase il Governo Renzi quando non voleva riconoscere il ruolo della città". E a questi si aggiungono quelli che fanno le occupazioni abusive dei luoghi pubblici e nessuno dice niente. "Non hai un euro?" Vavattenne. Amministrare è fatica, non è partecipare a concerti o andare a cresime e matrimoni. "Napoli è un disastro amministrativo ma da parte del Partito democratico non c'è una parola di critica". Noi abbiamo una grande dignità e Napoli è rinata non per De Luca ma grazie ai napoletani e a questo contagio di vita, di cultura e di energia che si sta mettendo in rete con tutta la Campania.

La replica di De Magistris non si è fatta attendere, ed è arrivata oggi: "Ha l'ansia?" Il sindaco non nasconde, però, la sua preoccupazione per il clima che si registra in città. Infine il sindaco annuncia di aver firmato la delibera per la cittadinanza onoraria ad Alberto Angela. De Luca ha un'insofferenza verso Napoli mentre invece io cerco sempre il dialogo istituzionale.