Uso improprio dati personali degli utenti, facebook sospende 200 app

Regolare Commento Stampare

Soltanto pochi mesi fa, Forbes evidenziava come Facebook stesse perdendo preferenze tra i teenagers, essendo l'unico social network a far registrare un calo dell'uso tra i giovani dal 2014 al 2017.

Un nuovo scandalo [VIDEO]si profila quindi all'orizzonte per Facebook in quanto, le 200 app sospese, potrebbero essere solo la punta di un iceberg che potrebbe rivelare ulteriori falle nel sistema di protezione dei dati personali degli utenti del più diffuso social network.

Il portale offre anche una serie di consigli, in tutto 10, elaborati da Liz Perle, consulente americana che da anni si occupa di giovani e tendenze emergenti. Ecco una lista di principi emersi dalle conversazioni con i tuoi coetanei.

Non aprire le porte della tua vita agli estranei Fai attenzione a chi inviti a entrare nel tuo spazio personale e a chi consenti di trascorrervi del tempo. Non condividere la tua password con nessuno, né con i tuoi amici, né con la persona con cui esci.

Cambia spesso la serratura: Se la tua lista di amici aumenta, ricontrolla regolarmente le tue impostazioni sulla privacy per assicurarti che le informazioni che hai deciso di rendere private e pubbliche vadano ancora bene. In genere, è un tema che viene trattato in termini di sicurezza offline e acquisizione di una certa consapevolezza che permetta di capire quando una situazione o un luogo non ti fa sentire a tuo agio. Invia subito una segnalazione nell'app per migliorare l'esperienza di tutti, compresa la tua. Lo stesso vale per la condivisione di informazioni sui tuoi amici senza la loro autorizzazione: non farlo. Non lesinare complimenti e assumi un atteggiamento positivo quando interagisci con i contenuti di altre persone. Se qualcosa non ti torna nel comportamento di un amico di Facebook, parla con lui.

Aiuta gli altri Supporta gli amici più svantaggiati di te, che devono affrontare più difficoltà o hanno semplicemente bisogno di una mano. Stando al gruppo guidato da Mark Zuckerberg, l'inchiesta sarà condotta con interviste, audizioni, richieste di informazioni e, se necessario, ispezioni nelle rispettive sedi.