Roma, Di Francesco nel post partita: "Stiamo crescendo ma non dobbiamo smettere"

Regolare Commento Stampare

C'entra anche il mercato.

Di Francesco poi parla del suo personale cambiamento insieme a quello della Roma: "E' vero, la squadra è cresciuta rispetto ad inizio anno, ma sono cresciuto anche io contestualmente". La potenza economica della Juve gli permette di avere un 'arsenale' mostruoso. Dobbiamo essere perfetti fino al 18 agosto, noi giocatori, il mister e rinforzare una squadra già forte. Le voci di mercato a gennaio?

La Vecchia Signora ci è riuscita con Antonio Conte (3 scudetti nel 2011/2012, 2012/2013, 2013/2014) e poi Massimiliano Allegri (2014/2015, 2015/2016, 2016/2017 e quello di quest'anno), che ora supera di due lunghezze il primato nazionale che apparteneva alla Juve degli anni Trenta, quella dei 5 titoli consecutivi vinti dal 1931 al 1935, a pari merito con il Grande Torino (1943-1949, esclusi due anni di stop per motivi bellici) e Inter (dal 2005/2006, assegnato dalla giustizia sportiva, al 2009/2010).

Nella ripresa si accende la partita, complice un atteggiamento meno prudente degli ospiti. Sul successivo corner arriva l'unico tiro in porta della partita: in realtà è persino forzato definirlo tale, perché il colpo di testa di Pellegrini arriva docile nelle mani di Szczesny. Noi labbiamo fatto anche, magari con risultati altalenanti, ma è questa lidea”. L'equilibrio ha fatto la differenza, abbiamo passato dei momenti difficili dai quali abbiamo saputo uscirne nel migliore dei modi, cruciale lo scontro diretto contro il Napoli all'andata, potevamo precipitare a -7 e invece abbiamo accorciato a -1, ponendo le basi per la conquista del settimo titolo di fila. Cresciamo sotto tanti punti di vista ma ce ne sono altri da migliorare, come la rosa e la mentalità. Poche le emozioni sul campo, serviva solo non perdere: così è stato ed ecco che la bacheca juventina riceve un nuovo regalo.

I giallorossi, dunque, sono tranquilli, e potranno godersi lo spareggio tra Lazio e Inter, che decreterà la quarta e ultima squadra qualificata alla prossima edizione della competizione.

"Faccio fatica a parlare delle mie prestazioni ma gli ultimi anni mi hanno reo orgoglioso". I due mesi di infortunio a dicembre e gennaio sono serviti a far capire che Szczesny offre ampie garanzie per il futuro. Abbiamo visto cosa può offrirti la Champions, per squadre che non hanno dimensioni di Real e Barcellona può cambiare tutto. Fare una buona Champions può cambiare tutto. Cosa ruberei alla Juventus?

Alla Juve alcuni vecchi ogni anno si ripropongono senza che nessuno gli dica nulla, con te il problema si è posto...