Poste italiane decolla e rivoluziona orari e consegne con 30mila postini Video

Regolare Commento Stampare

E' il caso di Poste Italiane che, per rispondere al mutamento del mercato, ha già da tempo svelato un ambizioso piano strategico che in alcune zone d'Italia è già diventato realtà e che prevede consegne più rapide anche nel fine settimana, ma non solo questo.

Nei primi tre mesi dell'anno le consegne di pacchi da parte di Poste Italiane sono aumentate del 50% rispetto allo stesso periodo del 2017. In prima linea il Sindaco di Amandola, Adolfo Marinangeli, che ha inviato una "diffida" alla direzione centrale: "importanza di provvedere con urgenza all'interruzione del progetto"- si legge nella lettera firmata dal primo cittadino - "con la nostra più netta opposizione a tale provvedimento". Poste Italiane afferma che questo progetto rappresenta una vera e propria rivoluzione per l'azienda in quanto cambia radicalmente il modo di lavorare dei portalettere, una rete capillare in declino a causa del calo della corrispondenza tradizionale. A ciò si aggiunge anche una rivoluzione tecnologica, ovvero i ritiri negli armadietti fai da te nei supermercati, centri commerciali e negozi sotto casa, che ovviamente decideranno di aderire all'iniziativa.

Il territorio montano vive nell'emergenza post sisma e le Poste Italiane riducono il servizio invece di potenziare. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui, Ladyblitz - Apps on Google Play]"Cambia tutto": consegneranno anche i pacchi, tutti i giorni e fino a sera, anche sabato e domenica.

I 30 mila portalettere coinvolti attualmente nel programma possono consegnare pacchi con un peso sino a 5 Kg.

In attesa degli ultimi ritocchi al piano, che dovrebbero essere completati entro la fine del mese prossimo, le Poste distribuiranno il fondo "BancoPosta Orizzonte Reddito" gestito in delega da Eurizon Capital Sgr. Le consegne saranno maggiormente concentrate al mattino nelle aree con più alta densità di uffici, mentre al pomeriggio e alla sera i portalettere si dedicheranno alle aree residenziali. Ora Poste punta a 50 milioni di pacchi consegnati nel 2018 per crescere a quota 100 milioni nel 2022.