Trionfo Juventus, Chiellini: "C'è chi ha festeggiato troppo presto"

Regolare Commento Stampare

Un grazie per tutti coloro i quali hanno alimentato polemiche a non finire sulla Juventus soprattutto in occasione della partita contro l'Inter: "Dobbiamo ringraziare chi ci ha stimolato". Abbiamo fatto qualcosa di straordinario e c'è mancato poco per giocarcela anche in Champions.

"Non hanno mai smesso di darci nuova energia, anche quando sembravamo morti: alla Juve non devi toccare mai l'orgoglio".

"C'è stato un momento in cui lo stavamo per perdere, perché nel secondo tempo di Milano lo stavamo perdendo". Noi siamo qui a festeggiare e qualcun altro è a casa un po' più triste. Trovare motivazioni ed energia è difficile invece ogni anno troviamo qualcuno che ci tira il collo e ci fa andare. Vedere certe immagini e sentire certe cose per noi è linfa vitale. Sembra quasi dovuto e scontato e che non meritassimo ma se poi gli altri pareggiano le partite e noi le vinciamo un motivo c'è.

"Tante persone che ci hanno criticato sul gioco, sul VAR, sugli arbitri. In Italia ogni trasferta è un'impresa, e siamo arrivati lì". Loro non vincono, noi siamo la Juventus e portiamo a casa i trofei. Frasi di Insigne? Nella vita ci vuole rispetto, poi ne paghi le conseguenze.

Durante il suo intervento, Giorgio Chiellini si è soffermato molto sui nemici: "In troppi ci hanno mancato di rispetto e ora possiamo toglierci qualche sassolino. Tante persone che hanno parlato a vanvera adesso devono stare in silenzio perché abbiamo dimostrato che siamo i più forti". Io mi riferisco ai media, agli addetti ai lavori e a tutti. Ora vinciamo e parliamo noi. "E quest'anno, come altri, ci guarderanno festeggiare". Adesso a parlare e a festeggiare siamo noi. Pronto l'addio a Buffon: "Mi mancherà tanto, è un punto di riferimento". Questa squadra è però sempre andata avanti e lo farà ancora. Anche il prossimo anno dovremo formare un alchimia perfetta. "Quando si manca di rispetto si deve chiedere scusa". Tante squadre decidono di uscire ai sedicesimi e agli ottavi.