Rottamazione delle cartelle, ecco come compilare il modulo per la domanda

Regolare Commento Stampare

Il termine ultimo è martedì 15 maggio e infine l'ultimo giorno entro il quale il contribuente potrà fare la domanda di adesione alla nuova edizione della Definizione agevolata è detta anche rottamazione bis che è relativa alle cartelle esattoriali, che vanno dal primo gennaio 2000 fino al 30 settembre del 2017.

Per l'occasione l'Agenzia delle Entrate-Riscossione, che ha preso il posto di Equitalia, ha lasciato aperti anche di sabato i propri sportelli, registrando un afflusso di circa 15.000 cittadini. Non potrà beneficiarne, ad esempio, il contribuente che abbia già aderito alla precedente definizione agevolata senza poi pagare il dovuto entro le scadenze. Possono fare richiesta anche i contribuenti che non sono stati ammessi alla precedente definizione agevolata solo se al 24 ottobre 2016 avevano un piano di rateizzazione in essere con l'agente della riscossione e non erano in regola con i pagamenti delle rate in scadenza entro il 31 dicembre 2016. Questo ha portato allo sviluppo di un software gestionale cloud per commercialisti come iContenzioso che si presta perfettamente allo scopo: salvare le pratiche, disponibili ovunque e in qualsiasi momento grazie al cloud, assegnare incarichi ai collaboratori e tenere sotto controllo progressi e scadenze grazie ad una timeline interattiva.

Il contribuente può presentare la propria richiesta di adesione attraverso il servizio "Fai DA Te" compilando, direttamente nell'area libera del portale di Agenzia delle entrate-Riscossione, il modello DA 2000/17.

E' possibile presentare la domanda fino alla tarda serata del 15 maggio, quindi anche dopo l'orario di chiusura degli sportelli. E' fatta salva la possibilità di pagare interamente il dovuto in un'unica rata a luglio. Il contribuente perderà cioè il beneficio dello sconto di more e interessi.

Quanto alla rottamazione, questa interessa imposte e multe non pagate affidate all'agente della riscossione fino al 30 settembre 2017.

La terza sezione dovrà essere compilata solo da coloro che, invece, voglio autorizzare la rottamazione solo di alcuni debiti contenuti nella cartella.

Nella seconda parte, invece, dovranno essere specificati in modo dettagliato gli avvisi o le cartelle che si vogliono rottamare.

Una volta inviata la domanda di rottamazione cartelle 2018 all'Agenzia delle Entrate-Riscossione, il contribuente, riceverà entro il 30 giugno 2018 l'importo delle cartelle che possono essere oggetto di condono, la scadenza delle rate e i relativi bollettini di pagamento o, in alternativa, l'eventuale diniego.

A questo punto, non resta molto da attendere per sapere quanti contribuenti aderiranno alla definizione agevolata.

L'Agenzia delle Entrate fissa annualmente in base al dlgs 159/2015 i tassi di interesse che si applicano a versamento, riscossione e rimborsi di ogni tributo. Nella "classifica" per regione, il Lazio è in testa con 77.621 domande presentate, seguita dalla Lombardia (58.645) e dalla Campania (46.922).