Attentati in tre chiese dell'Indonesia, strage tra fedeli

Regolare Commento Stampare

Una serie di esplosioni si sono verificate in tre diverse chiese nella città indonesiana di Surabaya, provocando almeno 8 morti e 38 feriti.

Raffica di attacchi, in Indonesia, contro chiese cattoliche: il primo bilancio, che rischia di aggravarsi nelle prossime ore, parla di nove morti e una quarantina di feriti. Al momento non c'è stata alcuna rivendicazione, ma la polizia ritiene che gli autori degli attentati costituisca- no un gruppo legato all'Isis.

L'Indonesia è il più popoloso Paese musulmano al mondo e allo stesso tempo ha un lungo passato di attentati da parte di estremisti islamici, contro cui porta avanti da quindici anni imponenti operazioni di contro-terrorismo.

Nella immagini trasmesse sul canale tv si vedono i detriti di un'esplosione sul pavimento della chiesa di Santa Maria a Surabaya, la seconda città del Paese.

Le chiese prese di mira sono una cattolica, una pentecostale ed una calvinista.

Sempre in Indonesia, pochi giorni fa, una rivolta carceraria è stata organizzata da parte di militanti islamici dell'Isis, o Desh, a Depok, alla periferia di Jakarta.