Crollo scuola ad Eboli: per la Cgil Salerno "interventi inderogabili"

Regolare Commento Stampare

Dal solaio, si sarebbero staccati pezzi di calcinacci che hanno colpito gli alunni.

Paura questa mattina nell'istituto V. Giudice, scuola primaria e dell'infanzia di Eboli, dove un pezzo di intonaco del solaio è caduto sui banchi di una classe, proprio durante la lezione, intorno alle 9.30. Quattro alunni sono stati trasferiti in ospedale dai medici del 118: per loro nessuna ferita, ma solo choc per l'enorme spavento.

Indignate le reazioni dei genitori: "Siamo stati informati da una mamma attraverso WhatsApp" racconta allibito a Il Mattino Carlo Lettieri, uno dei genitori precipitatisi a scuola. Sul posto anche la Protezione Civile, che sta valutando insieme ai tecnici del comune le condizioni dello stabile. Inferociti i genitori dei bambini presenti all'interno della struttura. I piccoli colpiti hanno tra i tre e i cinque anni. Non è più possibile assistere a tali vergognose situazioni che nella loro precarietà rendono incerto il vivere quotidiano, alimentano le ansie e soprattutto mettono a rischio la vita delle persone.

E' inderogabile ... bisogna intervenire, ristrutturare, mettere a norma, rendere antisismici o ricostruire, quei Plessi non adeguabili, in quanto le Scuole, come tanti altri Edifici Pubblici, devono per loro natura e funzione, essere resi agibili e sicuri, per i bambini, gli studenti, gli Operatori ed in via generale, per i cittadini tutti.