Avellino, prof. sgrida uno studente: aggredito con calci e pugni

Regolare Commento Stampare

Il ragazzo ha fermato il mezzo e si è avvicinato al docente per colpirlo in pieno volto con un pugno.

Qui però esiste una versione discordante fra i due soggetti.

Ad Avellino uno studente di 17 anni ha preso a pugni un professore rompendogli il setto nasale.

Secondo il professore si sarebbe trattato solo di un buffetto sulla guancia, contraccambiato da un sonoro ceffone.

E' quanto emerge dagli accertamenti effettuati dagli agenti dell'Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura di Avellino sull'episodio avvenuto questa mattina nel cortile dell'Itis 'Guido Dorso' di Avellino.

Diverse persone hanno assistito alla scena. Lo studente, un diciassettenne, nel frattempo è entrato in classe come se nulla fosse accaduto. Un comportamento che ha portato l'insegnante ad aprire il registro per mettere una nota. Rebekah Maggor. "I uoti short sono troppo corti", ha insistito la docente, "sei sicura che tua madre sarebbe d'accordo?".

Nei confronti del 17enne saranno adottati provvedimenti disciplinari da parte dell'Istituto.

"Se mi metti una nota, chiamo mio padre che è un pugile e ti spacca la faccia".

L'invito è stato accolto da alcuni studenti, che in segno di solidarietà si sono a loro volta spogliati e portati vicino alla studentessa. "Ti conviene non farlo", gli avrebbe detto l'alunno.