Xiaomi sbarca ufficialmente in Italia, che cosa cambia per i consumatori

Regolare Commento Stampare

"Prodotti sorprendenti a prezzi onesti", è il refrain su cui insiste lo stesso Jun, che in una lettera inviata ai dipendenti del 25 aprile scorso ha chiarito come una delle peculiarità dell'azienda a partire da quest'anno sarà "mantenere i profitti dall'hardware non superiori al 5%", aggiungendo che qualora sarà oltrepassata tale soglia "i ricavi saranno ridistribuiti agli utenti". Ma finalmente, dopo anni di attesa e indiscrezioni al riguardo, Xiaomi si prepara a debuttare ufficialmente anche in Italia, con tanto di sito web e distribuzione dei suoi prodotti nei negozi. Basti pensare che nel 2017 l'azienda cinese ha venduto 93 milioni di smartphone, per un fatturato annuale di 16 miliardi di dollari. Con questa piattaforma gli iscritti possono fare domande e cercare risposte sui prodotti Mi, collegarsi ed interagire con altri Mi Fans, discutere e condividere suggerimenti e trucchi per il proprio telefono Mi, scoprire tutti gli eventi organizzati da Xiaomi e partecipare alle attività online e offline in modo da vincere premi.

Solo poche settimane fa, Paola Pirello, country marketing manager di Xiaomi, ha pubblicato su LinkedIn un lungo post per la ricerca di personale in vista dell'apertura del nuovo store a Milano.

"Unisciti al nostro fantastico team MI Italia!" L'annuncio è stato dato direttamente dalla Pagina italiana di Facebook della società che avvisa che si terrà in quella data un evento di lancio in Italia.

Xiaomi Dipper ha invece delle caratteristiche differenti.

Questo è tutto sul conto della Xiaomi Mi Band 3, di cui non sono finora emersi altri dettagli (potrete comunque ammirarla nell'immagine che vi abbiamo allegato in basso, sempre che si tratti effettivamente dell'oggetto ritratto in foto, al polso del fondatore della società).

Ma conosciamoli meglio: Xiaomi Mi Dual-Unit Half-Ear sono costruiti con un corpo in ceramica lucida e sono progettati per essere indossati come modelli in-ear, anche se resteranno leggermente sporgenti dal padiglione auricolare (da qui in nome half-ear) per proteggere il canale uditivo e la membrana timpatica da potenziali danni dovuti all'alto volume della musica o alla presenza di un corpo estraneo nell'orecchio. Mi è anche il logo degli smartphone Xiaomi.