Poker al Milan, quattro di fila per la Juve

Regolare Commento Stampare

Partita fondamentale per la stagione del Milan che questa sera potrà assicurarsi con due turni d'anticipo la qualificazione diretta alla fase a gironi della prossima Europa League in caso di vittoria della Coppa Italia. Si parla di un'organizzazione da rifondare, ma la realtà è che senza il club piemontese la situazione sarebbe molto più drammatica di quanto non sia in realtà. Vincere non è mai ordinario. Schiacciato questa volta il Milan, crollato nel secondo tempo sotto i colpi di Benatia, Douglas Costa e Dybala. Applauso finale per le due tifoserie che hanno sfoggiato altrettante coreografie da derby (nella foto quella juventina) e un grande spettacolo sugli spalti dello stadio Olimpico di Roma. Gli ultimi venti minuti di gara sono una proforma in attesa della premiazione e non possiamo esimerci dal sottolineare come senza quei due errori incredibili il Milan avesse ancora chances da giocarsi. Per non parlare del colpo di testa innocuo di Mandzukic che il numero 99 rossonero non è riuscito a bloccare, consegnando il pallone a Benatia che dopo aver provocato il rigore che ha eliminato la vecchia Signora dalla Champions League e perso la marcatura su Koulibaly nello scontro diretto con il Napoli, si è riscattato firmando una doppietta con la quale ha contribuito al netto successo della squadra di Allegri che si aggiudica così la quarta Coppa Italia di fila.

Sul nervosismo nel finale di primo tempo: "Sicuramente sono entrato in campo per calmare gli animi". Lo ha fatto con un risultato roboante: forse il Milan non avrebbe meritato un passivo così pesante. In attacco ballottaggio tra Cutrone e Kalinic. La prima pagina del quotidiano sportivo TuttoSport non poteva non essere a tinte bianconere: "Coppa Juve".

Nel post-partita di Juventus-Milan, nonostante la vittoria di Coppa Italia, un nervoso Massimiliano Allegri ha avuto una lite con il giornalista di Raisport Mario Sconcerti. "L'Italia non può essere una nazione mediocre, siamo sempre stati un'eccellenza e dobbiamo continuare ad esserlo", ha detto il capitano bianconero Gigi Buffon davanti a Mattarella. "Questa serata se la dovevano regalare per loro, dopo tante soddisfazioni per i tifosi e la società". Ma è la conquista, ancora una volta, della Coppa Italia che impressiona e rende i piemontesi praticamente "invincibili".

DONNARUMMA: 2 - Dopo alcuni ottimi interventi e un paio di incertezze si produce in due topiche allucinanti prima su Costa e poi sul secondo gol di mr simpatia Benatia.

La ripresa inizia sulla falsariga del primo tempo, col Milan più intraprendente ma che non riesce a creare qualcosa di davvero concreto.