BPM raddoppia gli utili, ma il titolo scende in Borsa

Regolare Commento Stampare

Migliora anche la qualità dell'attivo con i crediti deteriorati netti in calo di 1,7 miliardi di euro su fine 2017. La loro incidenza sul totale dei crediti si abbassa così dal 12,1% al 10,7% mentre il livello di copertura dei crediti dubbi sale dal 48,8% di fine 2017 al 53,8%.

Le sofferenze nette si attestano a 5,2 miliardi, confermato il nuovo piano di derisking che prevede il perfezionamento della cessione di circa 5 miliardi di sofferenze entro giugno 2018.

"Il Cet 1 Ratio "IFRS9 PHASED IN" è pari al 13,48% e l'IFRS9 FULLY PHASED" Proforma al 12,10%. Banco Bpm ha continuato a lavorare "per la strategia di riduzione del rischio e per rafforzare il capitale".

Che potrebbe essere possibile un ritorno in area 3,03 pur mantenendo la tendenza rbassista. Sopra 1 tendenza rialzista. Giuseppe Castagna in conference call ha inoltre prospettato l'ipotesi di miglioramento del piano di derisking.